Allergie alimentari: Ecco le principali

0

Una qualunque reazione avversa al cibo viene spesso erroneamente definita come allergia alimentare. In realtà, la scienza medica oggi fa una precisa distinzione fra allergie alimentari ed intolleranze. Le prime sono, infatti, caratterizzate da una risposta del sistema immunitario ed è per questo che hanno spesso sintomo molto più gravi.

Ma cosa scatena una risposta così veloce del sistema immunitario? Quando ingeriamo un cibo a cui siamo allergici, un allergene, vale a dire una proteina presente nel cibo che è normalmente assolutamente innocua per la maggior parte delle persone, innesca una reazione a catena nel nostro organismo che porta alla produzione di anticorpi. Tali anticorpi causano a loro volta il rilascio di alcune sostanze dette istamine, che producono una varietà di sintomi che vanno dal prurito al naso che cola, tosse, respiro corto, vomito e diarrea.

Vediamo ora di seguito quali sono i sintomi delle più comuni allergie alimentari e come fare a diagnosticarle, prima di passare in rassegna la lista dei cibi maggiormente responsabili di allergia.

Sintomi delle allergie alimentari

La prima cosa da dire è che non tutti i sintomi delle allergie al cibo sono talmente gravi da mettere a rischio la nostra vita. Tuttavia, per alcune persone la reazione allergica può essere così elevata da portare allo shock anafilattico. Ecco dunque che è sempre bene conoscere i sintomi delle allergie alimentari al fine di intervenire in tempo qualora dovessero manifestarsi.

I sintomi più comuni di allergia alimentare sono:

  • Formicolio o prurito in bocca;
  • Orticaria, prurito o eczema della pelle;
  • Gonfiore al volto, alle labbra o di altre parti del corpo;
  • Congestione nasale;
  • Respiro sibilante o difficoltà respiratorie
  • Dolore addominale;
  • Nausea, vomito o diarrea;
  • Capogiri, vertigini o svenimenti:
  • Shock anafilattico.

L’ultimo di questi sintomi, lo shock anafilattico è caratterizzato da alcuni sintomi quali costrizione e irrigidimento delle vie aeree, gola gonfia, calo della pressione e polso accelerato fino alla perdita di conoscenza. Se non trattato, può portar al coma o persino alla morte.

Come diagnosticare un’allergia alimentare

Non esiste un test perfetto utilizzato per confermare o escludere un’allergia alimentare. Per diagnosticare un’allergia al cibo il medico dovrà quindi prendere in considerazione vari fattori, quali ad esempio i sintomi e la nostra storia familiare. Se altre persone in famiglia presentano allergie al cibo, questo è di sicuro un campanello di allarme!

Dopodiché è assai probabile che il medico esegua un test cutaneo, chiamato prova allergica, che consiste nel fare una puntura sulla pelle per iniettare una piccola quantità di allergene sospetto per vedere la nostra reazione.  Qualora a seguito dell’iniezione dovessero manifestarsi localmente i sintomi dell’allergia, allora è probabile che siamo davvero allergici a quell’alimento.

Come ulteriore verifica, può venir chiesto di eliminare gli alimenti sospetti per una settimana o due per poi reinserirli successivamente uno alla volta. Questo serve a collegare i vari sintomi agli alimenti specifici che li hanno prodotti e a comprendere se si tratta di una vera allergia o un’intolleranza. La dieta di eliminazione però è assolutamente da evitare con cibi per i quali abbiamo manifestato reazioni allergiche avverse potenzialmente pericolose per la nostra vita come lo shock anafilattico.

Trattamento delle allergie alimentari

Il trattamento delle allergie alimentari varia a seconda della gravità dei sintomi.

Per una lieve reazione allergica (ad esempio, formicolio e prurito), è possibile usare degli antistaminici. Nel caso invece di una grave reazione allergica, per bloccare i sintomi e scongiurare uno shock anafilattico è necessaria un’iniezione di adrenalina.

Questo è il motivo per cui molte persone con allergie portano con sé un iniettore di epinefrina. Si tratta di una siringa combinata ad un ago nascosto che auto inietta una singola dose di farmaco quando premuto contro la coscia.

Ciò detto, il migliore trattamento per prevenire i sintomi di una reazione allergica al cibo è quello di evitare di assumere quell’alimento.

È pur vero, però, che talvolta alcuni cibi possono contenere ingredienti per noi pericolosi senza che noi lo sappiamo. Ecco perché è sempre un bene, se si è allergici ad un qualche alimento leggere le etichette dei prodotti alimentari che acquistiamo e, in caso di dubbio, evitare di ingerirli. Infine, se andiamo al ristorante o a pranzo a casa di amici, accertiamoci che i cibi che ci vengono offerti non contengano allergeni per noi pericolosi.

Molte persone non comprendono la gravità di una reazione allergica al cibo e potrebbero non rendersi conto che una piccola quantità di cibo può causare una reazione grave in alcune persone. Quindi, non dobbiamo aver paura a chiedere e fare domande per escludere ogni rischio quando mangiamo qualcosa che non abbiamo preparato noi.

Allergie_alimentari

Differenza fra allergia e intolleranza alimentare

Come abbiamo scritto sopra, l’allergia alimentare comporta una reazione del sistema immunitario che si verifica subito dopo aver mangiato un determinato alimento. Anche una piccola quantità di cibo che provoca allergia è capace di innescare i sintomi, spesso anche molto gravi, come ad esempio lo shock anafilattico.

Altro tipo di reazione avversa al cibo è invece l’intolleranza alimentare che, sebbene fastidiosa, non coinvolge il sistema immunitario. Ecco perché anche i sintomi di un’intolleranza sono meno gravi, tanto che potremmo essere in grado di mangiare piccole quantità di cibo verso cui siamo intolleranti senza avere problemi.

Anche le cause dell’intolleranza alimentare sono diverse. In alcuni casi si tratta di un problema generato dall’assenza di un enzima necessario per digerire un determinato alimento (l’intolleranza al lattosio è generata proprio da questo). In altri casi, invece, si tratta di sensibilità verso determinati additivi alimentari oppure di sintomi legati ad altre patologie come ad esempio la sindrome dell’intestino irritabile. Non si escludono anche fattori psicologici: ad esempio, in alcuni casi, il pensiero stesso di assumere un cibo può farci stare male.

Le allergie alimentari più comuni

Quali sono le allergie alimentari più comuni? Di norma i medici ne prendono in considerazione solo 8, anche se in verità ciascun alimento potrebbe provocare allergia. Vediamole ad una ad una nei paragrafi che seguono.

Latte di mucca

L’allergia al vaccino il latte è una delle allergie infantili più diffuse, che colpisce il 2-3% dei neonati e dei bambini piccoli. Tuttavia, circa il 90% dei bambini supererà la condizione entro i 4 anni.

Nelle forme più gravi, la reazione allergica si verifica entro 30 minuti dall’ingestione di latte vaccino. I sintomi sono gonfiore, eruzioni cutanee, orticaria, vomito e, in rari casi, shock anafilattico. Nelle forme meno gravi invece i sintomi sono di solito di tipo intestinale come vomito, costipazione o diarrea, nonché infiammazione della parete intestinale.

Se viene fatta una diagnosi di allergia al latte vaccino, l’unico trattamento è quello di evitare il latte vaccino e gli alimenti che lo contengono. Ciò include qualsiasi alimento o bevanda che contenga:

  • Latte;
  • Latte in polvere o latte condensato;
  • Formaggio;
  • Burro;
  • Yogurt;
  • Panna.

Anche le madri che allattano al seno dovrebbero rimuovere il latte vaccino e gli alimenti che lo contengono dalla propria dieta se il loro bambino è allergico a questo alimento. Per quanto riguarda i bambini nutriti con latte in polvere si dovrà cercare un’alternativa valida alle formule tradizionali che comunque contengono latte di mucca.

Uova

Quella all’uovo di gallina è la seconda allergia alimentare nei bambini. Tuttavia, il 68% dei bambini allergici alle uova supererà la propria condizione una volta diventato adulto.  I sintomi sono:

  • Mal di stomaco;
  • Eruzioni cutanea;
  • Prurito;
  • Problemi respiratori;
  • Shock anafilattico (raro).

È interessante notare che è possibile essere allergici agli albumi ma non ai tuorli e viceversa. Questo perché le proteine ​​negli albumi e nei tuorli, dunque l’allergene, sono differenti. Tuttavia, la maggior parte delle proteine ​​che scatenano un’allergia si trovano negli albumi, quindi l’allergia all’albume d’uovo è più comune.

Come altre allergie, il trattamento per un’allergia all’uovo è rappresentato da una dieta senza uova. In alcuni casi, può non essere necessario evitare tutti gli alimenti in cui sono presenti uova, poiché il riscaldamento dell’alimento modifica la composizione delle proteine ​​che causano allergie.

In effetti, uno studio ha scoperto che circa il 70% dei bambini con allergia alle uova può tranquillamente mangiare torte e biscotti contenenti uova cotta senza avere alcun sintomo. Questo però non è il caso di tutti quindi se non si è sicuro è meglio evitare di mangiare uova e altri alimenti che le contengono come ad esempio i prodotti da forno.

Frutta secca

Un tipo di allergia molto frequente è quella nei confronti di noci, nocciole od altra frutta secca come mandorle, anacardi, pistacchi, pinoli e così via. Si tratta di un’allergia alimentare molto comune che colpisce circa l’1% della popolazione.

Le persone con un’allergia alle noci o altra frutta secca saranno allergiche anche ai prodotti alimentari a base di questi alimenti, come ad esempio burri e oli preparati con noci, arachidi, nocciole e così via.  Inoltre è frequente il caso in cui una persona è allergica a più tipi di frutta secca, questo perché essere allergici a un tipo di frutta a guscio aumenta il rischio di sviluppare un’allergia ad altri tipi di frutta a guscio.

A differenza di altre allergie, un’allergia alla frutta secca è una condizione permanente. Le reazioni possono essere molto gravi tanto che le allergie a noci, nocciole e anacardisono responsabili di circa il 50% dei decessi correlati a shock anafilattico per allergia.

L’unico trattamento possibile è l’esclusione dalla dieta per tutta la vita di tutti i tipi di frutta a guscio. stressati. È consigliabile anche che il soggetto allergico porti sempre con sé un iniettore di epinefrina come salva vita.

Arachidi

L’allergia alle arachidi è una fra le più comuni e può causare reazioni allergiche gravi e potenzialmente fatali.

Si differenza dalla allergia verso la frutta a guscio in quanto dal punto di vista alimentare l’arachide è un legume. Tuttavia, le persone con allergie alle arachidi sono spesso anche allergiche alle noci.

Questo tipo di allergia colpisce circa il 4% dei bambini e il 2% degli adulti, visto che molti tendono a superare la condizione con l’adolescenza.  Al momento, l’unico trattamento efficace è l’eliminazione completa di arachidi e prodotti contenenti arachidi dalla dieta.

Molluschi e crostacei

Un’allergia ai molluschi e crostacei è causata dal tuo corpo che attacca le proteine presenti negli alimenti appartenenti a questa categoria, vale a dire: ​​gamberetti, gamberi, aragoste, calamari, frutti di mare in genere.

Il fattore scatenante più comune di un’allergia ai frutti di mare è una proteina chiamata tropomiosina. Altre proteine ​​che possono svolgere un ruolo nell’innescare una risposta immunitaria sono l’arginina chinasi e la miosina.

I sintomi di un’allergia ai crostacei di solito si manifestano rapidamente e sono simili ad altre allergie alimentari (in particolare, vomito, diarrea e mal di stomaco). Tuttavia, a volte una vera allergia ai crostacei può essere difficile da distinguere da una reazione avversa a un contaminante dei frutti di mare, come virus, batteri o parassiti.

Un’allergia ai molluschi è permanente, quindi la maggior parte delle persone con questa condizione deve escludere tutti i molluschi dalla propria dieta per evitare di avere una reazione allergica. Anche i vapori della cottura di questi alimenti possono innescare una reazione allergica quindi è consigliabile tenersi lontani dai fornelli quando qualcuno cucina una pasta con le vongole.

Celiachia

La celiachia, pur essendo in verità un’intolleranza, ha però le caratteristiche di una vera e propria allergia alimentare perché coinvolge il sistema immunitario.

I sintomi sono di solito di tipo gastrointestinale ma a volte possono manifestarsi anche dolori articolari, mal di testa, astenia e ritardo di crescita. Non c’è tuttavia il rischio di shock anafilattico quindi le persone celiache non sono in pericolo di vita.

La celiachia è originata ad un’intolleranza nei confronti del glutine, una proteina presente nel grano e in altri cereali.

Il trattamento consiste nell’evitare tutti i cibi contenenti glutine per tutta la vita dato che si tratta di una condizione permanente. Il celiaco deve prestare massima attenzione anche alla preparazione dei piatti. Infatti, la contaminazione può avvenire anche usando piatti e stoviglie utilizzati per cucinare e servire alimenti contenenti glutine.

L’industria alimentare, dato che quella verso il glutine è una delle intolleranze maggiormente diffuse nonché invalidantile, ha messo in commercio numerosi cibi gluten free che possono essere tranquillamente assunti anche dalle persone celiache.

Soia

Le allergie alla soia colpiscono circa lo 0,4% dei bambini e sono più comunemente osservate nei neonati e nei bambini di età inferiore ai tre anni. Sono innescate da una proteina presente nei semi della soia o altri prodotti contenenti soia. Tuttavia, circa il 70% dei bambini allergici alla soia supera l’allergia una volta diventato adulto.

I sintomi possono variare da prurito, formicolio alla bocca e naso che cola ad eruzione cutanea, asma o difficoltà respiratorie. In rari casi, un’allergia alla soia può anche causare shock anafilattico. È interessante notare che un piccolo numero di bambini allergici al latte di mucca è anche allergico alla soia.

Pesce

Le allergie ai pesci sono abbastanza comuni e colpiscono circa il 2% degli adulti. A differenza di altre allergie, non è raro che un’allergia ai pesci emerga in tarda età visto che il 40% delle persone sviluppa l’allergia da adulti.

Come l’allergia ai crostacei, l’allergia ai pesci può causare una reazione allergica grave e talvolta fatale. I sintomi principali sono vomito e diarrea; in rari casi può anche verificarsi shock anafilattico.

Poiché i sintomi possono essere simili, un’allergia ai pesci viene talvolta confusa per una reazione a un contaminante nei pesci, come batteri, virus o tossine. Non esiste comunque nessuna correlazione fra l’allergia ai pesci e quella ai molluschi dato che le proteine allergizzanti sono diverse.

Tuttavia, molte persone con allergia ai pesci sono allergiche a uno o più tipi di pesci. L’unico trattamento consiste nell’eliminare le specialità ittiche responsabili di allergia dalla propria alimentazione quotidiana.

Conclusioni

Le 8 allergie alimentari descritte sopra sono le più comuni. Tuttavia, ce ne sono anche molte altre che possono causare una serie di sintomi, che vanno dal lieve allo shock anafilattico. Anche frutti del tutto innocui come la banana, il kiwi, la fragola e la pesca sono a volte responsabili di allergia. Perfino i fiori di camomilla possono causare reazioni allergiche in soggetti predisposti!

Quindi, dato che ogni alimento può per ipotesi causare allergia, qualora dovesse capitarci di avere dei sintomi riconducibili a quelli descritti sopra dopo aver assunto un cibo è sempre bene rivolgersi ad un medico per escludere la presenta di allergie alimentari. Non farlo potrebbe addirittura costarci la vita!

Ti potrebbero interessare anche:

Domande frequenti sulle allergie alimentari

Per quale motivo si scatena un’allergia alimentare?

Quando ingeriamo un cibo a cui siamo allergici, un allergene, vale a dire una proteina presente nel cibo che è normalmente assolutamente innocua per la maggior parte delle persone, innesca una reazione a catena nel nostro organismo che porta alla produzione di anticorpi. Tali anticorpi causano a loro volta il rilascio di alcune sostanze dette istamine, che producono una varietà di sintomi che vanno dal prurito al naso che cola, tosse, respiro corto, vomito e diarrea.

Quali sono i sintomi più comuni di allergia alimentare?

I sintomi più comuni di allergia alimentare sono: formicolio o prurito in bocca; orticaria, prurito o eczema della pelle; gonfiore al volto, alle labbra o ad altre parti del corpo; congestione nasale; respiro sibilante o difficoltà respiratorie; dolore addominale; nausea, vomito o diarrea; capogiri, vertigini o svenimenti; shock anafilattico.

Come si fa la diagnosi di un’allergia alimentare?

Non esiste un test perfetto utilizzato per confermare o escludere un’allergia alimentare. Per diagnosticare un’allergia al cibo il medico dovrà quindi prendere in considerazione vari fattori, quali ad esempio i sintomi e la nostra storia familiare. Dopodiché è assai probabile che il medico esegua un test cutaneo, chiamato prova allergica, che consiste nel fare una puntura sulla pelle per iniettare una piccola quantità di allergene sospetto per vedere la nostra reazione.

Qual è la differenza fra allergia e intolleranza alimentare?

L’allergia alimentare, a differenza dell’intolleranza, coinvolge anche il sistema immunitario del soggetto allergico, quindi la reazione avversa è di solito molto più grave e può comportare shock anafilattico.

Quali sono le allergie al cibo più comuni?

Le allergie al cibo più comuni e diffuse sono: allergia al latte di mucca, alle uova di gallina, alla frutta secca, alle arachidi, ai crostacei, al glutine (celiachia), alla soia e ai pesci.

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora (è gratuito).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.