Come dimagrire in menopausa: 3 soluzioni per te

0

Dimagrire in menopausa è una sfida in cui sono impegnate quotidianamente tantissime donne in tutto il mondo. Il corpo si trova a vivere una serie di cambiamenti interiori ed esteriori importanti, portando con sé il bisogno di modificare molte delle abitudini passate.

Per una donna che vuole mantenersi in forma, l’alimentazione diventa l’aspetto più importante su cui intervenire. Certo, la transizione richiede tempo e impegno, ma si tratta di un cambiamento alla portata di tutte.

Cerchiamo di capire allora come sia possibile dimagrire in menopausa, partendo da quelli che sono i processi fisiologici che le donne attraversano. Vedremo poi come le necessità nutrizionali e metaboliche cambiano, per arrivare a dei consigli adatti a tutte. Iniziamo!

Come dimagrire in menopausa: cosa succede

La menopausa si manifesta per tutte le donne con la conclusione dell’attività ovarica. Le ovaie, quindi, non producono più follicoli né estrogeni, cioè i principali ormoni femminili. Non esiste un’età definita per l’arrivo di questo cambiamento, ma nella maggior parte delle donne avviene intorno ai 50 anni. In rari casi potrebbe manifestarsi anche con largo anticipo (dai 35 anni) e in questi casi si parla di menopausa precoce, derivante da particolari situazioni patologiche.

Quando questo processo inizia, i cambiamenti sono evidenti e coinvolgono l’organismo femminile nel suo complesso. Gli squilibri ormonali caratteristici portano con sé vampate di calore, sbalzi di umore che possono sfociare in fenomeni depressivi e anche problemi funzionali a diversi apparati. Non sono rare infatti situazioni di osteoporosi e di infiammazione delle vie urinarie, ma anche l’apparato cardiocircolatorio potrebbe risentirne (aumento del colesterolo LDL).

La conseguenza più comune è, come risaputo, l’aumento di peso. Le variazioni ormonali che intercorrono dall’inizio della menopausa provocano uno scompenso che va a influire sia sul metabolismo che sulle necessità dell’organismo di specifici nutrienti. Analizziamo la cosa più nel dettaglio.

L’aumento di peso in menopausa

Quello che si verifica è una sorta di circolo vizioso, fortemente dipendente dal contraccolpo psicologico. Le variazioni metaboliche portate dalle tempeste ormonali comportano uno spontaneo aumento del peso corporeo, nella misura di circa 1 chilo ogni anno per approssimativamente 3-4 anni. A ciò si aggiunge un mutamento nelle proporzioni del fisico, un vero e proprio cambiamento di forma (soggettivamente variabile). Di conseguenza la donna vive negativamente il processo, innescando una maggiore produzione di cortisolo, l’ormone dello stress.

Questo va a influire a sua volta sui depositi di grasso del segmento superiore del corpo, inficiando sulla femminilità delle forme. Addome, busto, collo e braccia aumentano di volume, rendendo la silhouette molto più mascolina. Per forza di cose l’umore ne risentirà, alimentando questa spirale negativa sulla quale bisogna andare ad agire. Potrà non sembrare facile, ma si può: vediamo come.

Come dimagrire in menopausa: una doverosa distinzione

Prima di inoltrarci nel discorso puramente nutrizionale, è giusto fare delle precisazioni in merito al percorso da intraprendere. Non è detto, infatti, che ci sia un effettivo bisogno di dimagrimento. Per una donna normopeso la cosa fondamentale da fare è mantenere la propria condizione, evitando di ingrassare. In questo caso il programma da seguire è relativamente semplice: mantenere un buon livello di attività fisica e seguire un regime alimentare equilibrato e bilanciato. Con ciò si intende la necessità di avere una buona ripartizione dei pasti e dei nutrienti da assumere, stimando adeguatamente le quantità necessarie.

Diverso è il discorso quando si parla di vera e propria necessità di dimagrire. In questo caso l’aspetto nutrizionale diventa più restrittivo, così come il programma motorio deve seguire delle strutture precise. Essendo stato appurato su un piano prettamente scientifico il peso della componente psicologica, il percorso per dimagrire non deve mai risultare eccessivamente arduo. L’obiettivo deve essere sempre raggiungibile e il fallimento non è un’opzione contemplata. Questo perché l’equilibrio ormonale precario subirebbe un ulteriore batosta, che andrebbe a riflettersi inevitabilmente sul peso, aumentandolo ancora.

Parliamo, in termini pratici, di meccanismi che una volta innescati vanno a contribuire in maniera decisiva sulla fame nervosa, rendendola ingovernabile. Per dovere di cronaca, si sono registrate anche reazioni opposte, con una consistente riduzione dell’appetito, sfociata in quella che viene clinicamente definita anoressia nervosa.

Come dimagrire in menopausa: i consigli nutrizionali

Le variazioni metaboliche che avvengono durante la menopausa non sono direttamente correlate all’aumento del peso. Nonostante questo, è necessario prestare la giusta attenzione alla dieta, in modo da mantenere il controllo sulla situazione e soprattutto tutelare la propria salute da patologie future.

È importante affidarsi a un nutrizionista, in questi casi, per ottenere delle indicazioni specifiche per il proprio caso. In questo modo sarà possibile predisporre una dieta ipocalorica efficace ma soprattutto funzionale. I principi fondamentali a cui attenersi saranno:

  • adeguare il fabbisogno calorico applicando un deficit progressivo;
  • strutturare i pasti in 5 momenti durante la giornata (3 principali e 2 spuntini);
  • eliminare i grassi animali aggiunti (al bando quindi i grassi saturi) e tutti gli alimenti elaborati che li contengono;
  • prediligere il consumo di acidi grassi, salutari per l’apparato cardiocircolatorio;
  • consumare frequentemente alimenti ricchi di vitamina D, come le pesche;
  • assumere grandi quantità di calcio per contrastare la demineralizzazione dell’apparato scheletrico.

L’ultimo punto è particolarmente delicato: è necessario evitare gli alimenti ad alta densità energetica, come i formaggi grassi. Pertanto bisognerà restringere il campo a yogurt, latte e formaggi esclusivamente magri.

Esistono poi dei consigli collaterali che vengono dati e che servono a migliorare ulteriormente il percorso prescritto. Ad esempio, le donne in menopausa dovrebbero aumentare l’esposizione ai raggi solari (con le necessarie precauzioni), in modo da facilitare la sintesi di vitamina D. Su consiglio medico poi è possibile valutare l’applicazione di una terapia ormonale sostitutiva, ma una cura simile dev’essere associata solo a specifiche sintomatologie. Seppur tale terapia semplifichi il processo di dimagrimento, va ricordato che non dev’essere in alcuna maniera essere intrapresa in maniera autonoma, per l’elevato rischio di effetti collaterali dovuti a un’assunzione non corretta.

Come dimagrire in menopausa: un piano quotidiano

Una dieta tipo, come abbiamo visto, va suddivisa nell’arco della giornata in 5 pasti. Cerchiamo di capire allora che tipo di alimenti sarebbe meglio consumare in ognuno di essi.

Partendo dalla colazione, rivalutato come pasto più importante della giornata. Risulta molto utile al risveglio fare il pieno di fibre: spazio quindi ai cereali, meglio ancora se accompagnati da fiocchi d’avena. Questi forniscono all’organismo un elevato quantitativo di proteine vegetali e sono fonte di betaglucano, una manna per il metabolismo. Come abbiamo detto, non può mancare il latte; per avere un pasto veramente completo, potremmo aggiungere dei semi oleosi (fonte di grassi insaturi) e delle proteine animali. Un esempio? Il salmone affumicato, equilibrato e consigliato da molti nutrizionisti anche nelle diete degli sportivi.

A metà mattina e a metà pomeriggio è fondamentale ritagliarsi il tempo per uno spuntino. Il mix ideale prevede frutta secca oleosa, senza esagerare, accompagnata da un frutto di stagione o dall’ananas, per le sue proprietà drenanti. Questi break sono fondamentali per mantenere il metabolismo attivo, impedendo di arrivare ai pasti principali con una fame eccessiva che porterebbe inopportunamente a sgarrare. Inoltre, molti frutti sono veri e propri cibi brucia grassi che contribuiscono in maniera attiva al dimagrimento.

Pranzo e cena sono liberamente interscambiabili. Per uno di questi due pasti si consiglia il consumo di carboidrati ad assorbimento lento. Pasta, riso, pane vanno benissimo, a patto che si tratti di prodotti con farine integrali. Sul mercato è possibile inoltre trovare numerosi sostituti, come kamut e farro, ideali per questo regime alimentare. Per il secondo pasto, la portata principale dovrebbe prevedere alimenti proteici, come petto di tacchino, pesce azzurro accompagnati sempre da verdure, possibilmente fresche.

Come dimagrire in menopausa: integratori, creme e guaine snellenti

Visti gli alterati equilibri e necessità nutrizionali, in una situazione come la menopausa potrebbe essere molto utile integrare la propria dieta con prodotti specifici. Abbiamo visto come l’organismo richieda un maggiore apporto di acidi grassi e di calcio, che non sono sempre assimilabili con l’alimentazione. Allo stesso modo esistono altre sostanze difficili da introdurre nella dieta quotidiana e per cui esistono integratori appositi. I loro benefici, come vedremo, sono molteplici e possono dare una grossa mano a tutte quelle donne in cerca di un aiuto per controllare il proprio peso in menopausa.

Lo stesso discorso vale per pantaloncini e guaine snellenti. Indossati quando andate in palestra oppure mentre fate i servizi domestici, insomma ogni volta che vi muovete, otterrete un “effetto sauna”  che vi farà dimagrire proprio nei punti critici.

I cambiamenti ormonali della menopausa possono anche provocare alcuni inestetismi della pelle quali smagliature e cellulite. In questo caso l’uso di creme ad applicazione topica può rivelarsi molto effiace.

Sugar Less Plus

Il primo integratore di cui parliamo è distribuito sul mercato italiano da MGT ed è un prodotto indicato per il controllo di colesterolo e glicemia. Nei paragrafi precedenti abbiamo scritto di come i cambiamenti portati dalla menopausa rischiano di coinvolgere anche l’apparato cardiocircolatorio, con un indesiderato aumento dei valori di colesterolo LDL, quello cattivo.

Per contrastare questo processo allora diventa molto utile consumare quotidianamente fonti di acido alfa lipoico, come Sugar Less Plus. Si tratta di una sostanza che regola i livelli di glicemia, indirizzando il metabolismo verso un’appropriata assimilazione dei carboidrati. Grazie all’azione combinata con gli altri ingredienti, questo integratore riesce a mantenere su livelli accettabili il colesterolo e agisce sulla fame nervosa, regolandola.

Parliamo quindi di un prodotto valido e completo, che grazie a ingredienti 100% naturali si presta a essere usato da tutti, senza controindicazioni o effetti collaterali.

Burn Pro

Il secondo prodotto per dimagrire in menopausa è un integratore nato per gli sportivi. Evitiamo gli equivoci: Burn Pro non è SOLO per chi pratica sport, quanto piuttosto risulta particolarmente apprezzato da chi ha obiettivi di dimagrimento che non compromettano la massa muscolare. Perchè allora ne parliamo in questo contesto?

Molto semplicemente perché Burn Pro è a base di forskolina, estratto dalla pianta di Coleus Forskohlii. Questa sostanza risulta molto efficace in menopausa in quanto agisce in maniera diretta sull’attività della tiroide, aiutando la perdita di peso in maniera spontanea e sicura.

Gli scompensi ormonali infatti sono spesso associati a squilibri tiroidei, quindi medici e nutrizionisti consigliano l’assunzione di forskolina come regolatore naturale. Esatto, anche qui abbiamo una formula priva di solventi e agenti chimici, per un prodotto certificato e privo di controindicazioni.

Ultrametabolismo

Nei consigli di alimentazione abbiamo scritto come, durante gli spuntini, il consumo di ananas risulterebbe particolarmente utile per il suo effetto drenante. La menopausa infatti porta in dote un’accresciuta ritenzione idrica, che causa un rigonfiamento dei tessuti che trattengono i liquidi nello strato adiposo sottocutaneo.

Per questo motivo consigliamo Ultrametabolismo, integratore a base naturale pensato per contrastare la ritenzione idrica alla fonte. La sua composizione permette di agire in maniera attiva, eliminando i liquidi in eccesso già presenti e depurando l’organismo da scorie e tossine che li trattenevano. In questo modo sarà possibile dire addio al gonfiore e agli inestetismi della pelle, per effetto della bromelina dell’ananas presente tra gli ingredienti principali.

Anche con Ultrametabolismo il colesterolo viene tenuto a bada, grazie a una componente a base di caffè verde che risulta essere un toccasana per l’organismo.

Supremo Slim 5 

Supremo Slim 5 è un integratore alimentare in gocce capace di accelerare il dimagrimento sfruttando solo principi attivi naturali.

In virtù della sua formulazione 100% bio e totalmente made in Italy i suoi effetti benefici sono molteplici: facilita l’assorbimento dei grassi stimolando il nostro metabolismo a bruciare più velocemente; limita l’assimilazione dei carboidrati tenendo sotto controllo la glicemia; drena i liquidi in eccesso regalandoci una pelle sgonfia e distesa; riduce il senso di fame grazie all’alto contenuto di fibre; contribuisce al benessere intestinale, appiattendo la pancia.

Essendo in formulazione liquida, il suo utilizzo è davvero molto semplice. Basterà infatti diluire qualche goccia in mezzo bicchiere d’acqua, mescolando ed assumendo la miscela così ottenuta per via orale. L’operazione può essere effettuata 1 o più volte al giorno seguendo le indicazioni fornite dal produttore all’interno del foglietto illustrativo. Fra i suoi ingredienti troviamo:  Cannella, Gynostemma, Guaranà, Glucomannano, Betulla.

Reishi Plus

Vediamo adesso Reishi Plus, un integratore dimagrante disponibile sotto forma di 60 comode capsule da 200 mg. L’ingrediente principale è il fungo Reishi, il cui nome scientifico è Ganoderma Lucidum, una pianta che per forma e sembianze è del tutto simile ad un fungo conosciuta anche col nome di “fungo dell’immortalità”.

Fra i benefici effetti attribuiti a Reishi Plus integratore in virtù della sua composizione vi sono la capacità di ridurre il colesterolo e il grasso corporeo, contrastare alcune disfunzioni della tiroide che portano all’aumento di peso, regolare i livelli di glicemia nel sangue, rafforzare il nostro sistema immunitario a causa delle proprietà antinfiammatorie, antiossidanti, antibatteriche, antivirali, antidepressive e antistress del fungo Reishi.

Assumere Reishi Plus è davvero facilissimo. Vi basterà estrarre 2 capsule dal comodo flacone ermetico e assumerle con un abbondante bicchiere di acqua prima di ogni pasto principale.

Slimblack leggins

Slimblack leggings è un prodotto davvero innovativo finalizzato ad ottenere un dimagrimento rapido in alcuni punti critici, vale a dire pancia, cosce e sedere. In poco tempo è capace di snellire, rassodare e modellare il corpo di più e meglio di qualunque dieta o esercizio fisico.

L’azione snellente e rassodante di Slimblack leggins è assicurata grazie allo speciale “effetto sauna”. In altre parole, il pantalone, una volta indossato, è in grado di aumentare la temperatura del vostro corpo, aiutandovi a sudare e a bruciare così più grassi e calorie. L’effetto risulta ovviamente maggiorato dal movimento fisico: più vi muoverete, più quindi riuscirete a immagazzinare calore e a sudare di più.

A differenza di tutte le altre guaine snellenti, ha una forma anatomica a pantalone, per cui è in grado di raggiungere punti critici come l’interno cosce, i fianchi ed in glutei, rassodando e riducendo proprio lì dove c’è più bisogno.

Per una maggiore efficacia, il produttore consiglia di indossare Slimback leggins per almeno 3-4 ore al giorno. Questo non rappresenta assolutamente un problema in quanto può anche essere utilizzato anche sotto gli abiti di tutti i giorni. In questo modo potrete raggiungere i risultati sperati in meno di un mese.

Elastix

Elastix è una crema antismagliature la cui efficacia è legata alla presenza di ingredienti naturali altamente affini ad alcune sostanze già presenti nella nostra pelle. Essendo nutrita ed idratata in profondità la nostra epidermide diverrà immediatamente molto più liscia e compatta, le smagliature saranno meno visibili e anche i cuscinetti di grasso dovuti a cellulite ne beneficeranno.

I principi attivi presenti nel flacone da 200 ml sono: Collagene, Acido ialuronico, Elastina, Bava di lumaca, Estratto di Centella asiatica, Olio di mandorle dolci, Vite rossa e tè verde.

Elastix smagliature si usa come una qualunque altra crema per il corpo, quindi occorre spalmarne una generosa quantità su tutte le zone interessate (addome, fianchi, cosce, seno, braccia e glutei), accompagnando questa manovra con un delicato massaggio fino a che il prodotto non sia completamente assorbito. Si consigliano almeno 2 applicazioni quotidiane.

Conclusioni

Non si tratta di un processo semplice o veloce, ma dimagrire in menopausa si può. Abbiamo cercato di affrontare la questione gettando le basi per un approfondimento scientifico, fornendo poi dei consigli di tipo pratico che chiunque può seguire. Quello che emerge è che la cosa più importante diventa limare le abitudini scorrette, specie dal punto di vista dell’alimentazione, in nome di un piano a lungo termine che coinvolge la salute ancor prima che l’estetica.

Per fare ciò è sempre possibile aggiungere i giusti integratori alla propria dieta, in base a quelle che sono le proprie esigenze e le proprie carenze nutrizionali. Non esiste un prodotto migliore di un altro e sono tutti ugualmente validi, a seconda del caso. C’è una sola regola: affidarsi a prodotti testati e certificati (come quelli notificati al Ministero della Salute), che utilizzano solo ingredienti al 100% naturali e di prima qualità, come quelli che vi abbiamo presentato.

Domande frequenti su come dimagrire in menopausa

Si può dimagrire in menopausa?

Sì, con le dovute distinzioni in base alle reali necessità. Dimagrire in menopausa si può, impostando adeguatamente la dieta e un piano di attività fisica con l’aiuto di uno specialista.

Cosa bisogna considerare per dimagrire in menopausa?

Serve consapevolezza su quelle che sono le rinnovate esigenze dell’organismo, avendo cura di fornirgli i nutrienti di cui ha bisogno nella misura corretta.

Esistono prodotti per perdere peso in menopausa?

Sì, sul mercato sono disponibili diversi integratori adatte alle donne in menopausa, per aiutarle ad assumere sostanze fondamentali che possono aiutarle nel processo di dimagrimento.

Che tipo di integratore devo cercare?

Fai affidamento a integratori naturali, che non contengano sostanze chimiche o solventi potenzialmente pericolosi per l’organismo. Cerca prodotti che contengano la sostanza di cui hai maggiore bisogno, in modo da ottimizzare i risultati che otterrai.

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora (è gratuito).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.