Danni del Fumo: Tutto quello che c’è da sapere     

0

In qualunque modo lo assumiamo, i danni del fumo sono enormi. Sia che si tratti di fumare una sigaretta, un sigaro o la pipa, per ogni boccata di fumo inalata il nostro corpo riceverà sostanze dannose come nicotina, catrame, monossido di carbonio.

Nosmoke
Libera il corpo dalla nicotina!
Recuperare l'energia perduta!
Acquisto
Nicorix
Elimina il desiderio di nicotina!
Naturale ed efficace!
Acquisto

Queste sostanze non danneggiano solo i polmoni, ma anche numerosi altri organi quali cuore, arterie, cervello, apparato digerente e riproduttivo, pelle, unghie e capelli. Vediamo quindi in questo articolo tutto quello che c’è da sapere sui danni provocati dal fumo al nostro organismo.

Danni del fumo: quali sono

Il tasso di mortalità per i fumatori è 3 volte superiore a quello delle persone che non hanno mai fumato. Questo è sicuramente il primo dato su cui riflettere. Il secondo è che non esiste un modo sicuro di fumare. Sostituire la sigaretta con un sigaro, una pipa o un narghilè non ci aiuterà ad evitare i rischi per la salute.

Le sigarette contengono circa 600 ingredienti, molti dei quali si trovano anche nei sigari e nei narghilè. Quando questi ingredienti bruciano, generano più di 7.000 sostanze chimiche, la maggior parte delle quali sono velenose. Circa una settantina di queste sono correlate con un aumentato rischio di cancro.

Molte delle complicazioni legate al fumo sono immediate, altre invece possono avere effetti a lungo termine nel nostro organismo. La buona notizia è che smettere di fumare può comunque aiutare ad invertire la gran parte di questi effetti.

Ecco dove si verificano maggiormente i danni del fumo:

  • Sul sistema nervoso centrale;
  • Ai polmoni;
  • Sul sistema cardiovascolare;
  • Sull’apparato digerente;
  • Alla pelle;
  • Sugli organi genitali e il sistema riproduttivo.

Vi è infine una categoria di persone cui è assolutamente vietato fumare: stiamo parlando delle gestanti. Le donne incinte dovrebbero infatti evitare in tutti i modi evitare le sigarette per via dei danni del fumo in gravidanza.

Danni del fumo sul sistema nervoso centrale

Uno degli ingredienti principali del tabacco è la nicotina. La nicotina raggiunge il nostro cervello in pochi secondi facendoci sentire eccitati ed energici. Questo effetto però dura solo per un po’. Sparito l’effetto, torneremo a sentirci stanchi e avremo bisogno di assumerne ancora per stare bene. È questo il motivo per cui molte persone trovano così difficile smettere di fumare.

L’astinenza fisica dalla nicotina provoca molti effetti sul nostro sistema nervoso centrale. Può infatti:

  • Provocare stanchezza e affaticamento;
  • Modificare il nostro umore fino a farci sentire ansiosi, irritati o depressi;
  • Causare mal di testa e problemi di sonno.

Danni del fumo ai polmoni

Quando si inala fumo, si assumono sostanze che possono danneggiare i polmoni. Nel tempo, questo può portare numerose complicanze. Oltre ad essere a maggior rischio di infezioni e malattie respiratorie, le persone che fumano sono anche maggior soggette ad andare incontro a patologie polmonari croniche come:

  • Enfisema;
  • Bronchite cronica;
  • Broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO);
  • Cancro ai polmoni.

Anche il fumo passivo può essere altrettanto dannoso per il nostro sistema respiratorio. I bambini i cui genitori fumano sono più inclini a tosse, respiro sibilante e attacchi di asma rispetto ai bambini i cui genitori non fumano. Tendono anche ad avere tassi più elevati di polmonite e bronchite.

Il_fumo_provoca_danni

Danni del fumo sul sistema cardiovascolare

Il fumo danneggia l’intero sistema cardiovascolare. La nicotina provoca il restringimento dei vasi sanguigni, il che limita il flusso di sangue. Nel tempo, il restringimento, insieme ai danni ai vasi sanguigni, può causare malattie all’arteria periferica.

Fra gli altri danni del fumo a carico di cuore e arterie ci sono:

  • Aumento della pressione sanguigna;
  • Indebolimento dei vasi sanguigni;
  • Maggior rischio di coaguli di sangue;
  • Aumentata incidenza di ictus e infarto.

Le persone che hanno già subito un intervento chirurgico di bypass cardiaco, un attacco cardiaco o un’angioplastica, dovrebbero smettere di fumare per non incorrere in ricadute.

Danni del fumo sulla pelle

Le sostanze presenti nel fumo di tabacco cambiano effettivamente la struttura della pelle. Il fumo in particolare accelera l’invecchiamento, anticipando la comparsa delle rughe. Si calcola che, in genere, le donne fumatrici appaiano in media 1,5 anni più vecchie delle non fumatrici. Questo accade perché il fumo ostacola l’afflusso di sangue che mantiene il tessuto della pelle elastico e sano.

Anche l’aspetto estetico della nostra epidermide ne risentirà. Il fumo di sigaretta contiene infatti monossido di carbonio, il quale, entrando a contatto con il sangue, andrà ad esaurire molti nutrienti, tra cui la vitamina C. Questo farà apparire la nostra pelle scolorita e spenta.

Dato che la nicotina provoca restringimento dei vasi sanguigni che può limitare il flusso di sangue ricco di ossigeno verso i piccoli vasi del viso o in altre parti del corpo, anche le ferite impiegheranno più tempo a guarire, determinando cicatrici più grandi.

Sempre a causa della vasocostrizione, che danneggia fibre e tessuto connettivo, la nostra pelle perderà spessore ed elasticità, andando quindi più soggetta a smagliature.

Anche le nostre unghie e i nostri capelli non sono immuni dagli effetti del fumo. Il fumo aumenta, ad esempio, la probabilità di contrarre infezioni fungine, perdita dei capelli e l’imbiancamento precoce delle chiome.

Il fumo ci espone inoltre a maggiori rischi per tutti i tipi di malattie dentali, incluso il cancro orale e le malattie gengivali. In effetti, stando ai dati, i fumatori hanno una probabilità sei volte maggiore rispetto ai non fumatori di sviluppare malattie gengivali, che possono portare alla perdita dei denti.

Un recente studio ha dimostrato infine che il fumo aumenta notevolmente il rischio di carcinoma a cellule squamose (cancro della pelle).

Danni del fumo sull’apparato digerente

Anche l’apparato digerente non è esente da danni del fumo. Fumare aumenta, infatti, il rischio di:

  • Cancro alla bocca;
  • Cancro alla gola;
  • Cancro alla laringe;
  • Cancro all’esofago;
  • Cancro al pancreas.

Il fumo ha anche un effetto sull’insulina, aumentando le probabilità di sviluppare insulino-resistenza. Ciò aumenta il rischio di diabete di tipo 2 e delle sue complicanze, che tendono a svilupparsi ad un ritmo più rapido rispetto alle persone che non fumano.

Infine, alla nicotina sono da ricollegarsi anche effetti collegati al nostro metabolismo e all’alimentazione. Per prima cosa, infatti, questa sostanza ha il potere di aumentare di circa il 10% il metabolismo basale, che è in pratica la quantità di calorie bruciate dal nostro organismo in stato di quiete per assicurarsi la piena funzionalità. Ciò equivale a un consumo giornaliero di circa 200 Kcal in più per un fumatore rispetto a un non fumatore.

Inoltre, la nicotina induce il nostro corpo a bruciare più grassi e regola il tasso di leptina, ovvero l’ormone che interviene sul senso di sazietà. Favorisce, infine, il rilascio, da parte del sistema nervoso, di noradrenalina, dopamina, serotonina e acido y-amminobutirrico. Si tratta di sostanze che in maniera differente intervengono sul senso di appetito e incrementano il metabolismo. Ecco perché molti concordano sul fatto che fumare fa dimagrire!

Prevenire l’aumento di peso dopo aver smesso di fumare

Come abbiamo visto sopra, fra i danni del fumo ci sono anche quelli provocati all’apparato digerente. Alcuni degli effetti riguardano anche il metabolismo e l’alimentazione.

Il fumo, in particolare, agisce come un soppressore dell’appetito, quindi in genere chi decide di smettere di fumare devono fare i conti con una preoccupazione, vale a dire il possibile aumento di peso.

Si tenga però prima di tutto presente che non tutti i fumatori aumentano di peso quando smettono di fumare. Questo avviene soprattutto quando la gratificazione orale del fumo viene sostituita con il consumo di cibi non salutari. Pertanto, è importante trovare altri modi salutari per affrontare sentimenti spiacevoli come stress, ansia o noia piuttosto che mangiare tutto quello che ci capita sotto tiro.

A chi prende l’importante decisione di smettere di fumare, si consiglia di inaugurare una condotta alimentare adeguata, evitando di ridurre drasticamente le calorie, ad esempio eliminando i carboidrati.

Si consiglia, al contrario, di consumare più zuccheri anche per la produzione di serotonina, che regola il senso di benessere, contrastando la fame nervosa. Meglio ancora i carboidrati integrali, che contengono vitamine appartenenti al gruppo B.

Infine, è decisamente consigliabile a chi smette di fumare di intraprendere un’attività fisica per contrastare le conseguenze di un metabolismo “rallentato” e di un possibile aumento delle calorie introdotte attraverso l’alimentazione.

Per approfondire leggi anche:

Danni del fumo sugli organi genitali e sul sistema riproduttivo

La nicotina influenza il flusso sanguigno nelle aree genitali di uomini e donne. Per gli uomini, questo può ridurre le prestazioni sessuali. Per le donne, ciò può provocare insoddisfazione sessuale diminuendo la lubrificazione e la capacità di raggiungere l’orgasmo.

Il fumo può anche abbassare i livelli di ormoni sessuali sia negli uomini che nelle donne. Questo può eventualmente portare a una riduzione del desiderio sessuale.

Danni del fumo in gravidanza

Fumare durante la gravidanza influisce negativamente sia sulla salute della futura mamma, che su quella del feto. La nicotina, il monossido di carbonio e i numerosi altri veleni che inaliamo col fumo di sigaretta vengono trasportati attraverso il flusso sanguigno e finiscono direttamente nella placenta, l’organo deputato a fornire nutrimento ed ossigeno al bambino mente ancora è nella pancia.

Ecco quali sono i danni del fumo in gravidanza :

  • Riduce la quantità di ossigeno disponibile per la mamma ed il feto;
  • Incrementa la frequenza cardiaca del bambino e la pressione arteriosa nella madre;
  • Aumenta le possibilità di aborto spontaneo, parto prematuro o morte intrauterina del feto;
  • Favorisce un basso peso alla nascita del neonato;
  • Aumenta il rischio di problemi respiratori del bambino durante e dopo il parto;
  • Espone maggiormente il neonato alla morte improvvisa nella culla o SIDS.

Più sigarette al giorno vengono fumate dalla gestante, maggiori sono le probabilità che il bimbo abbia questi od altri problemi di salute.  Non esiste però un livello “sicuro” di fumo durante la gravidanza. Anche fumare una sola sigaretta fa male, quindi meglio eliminare del tutto il vizio del fumo.

Questo vale anche per il fumo passivo. Essere regolarmente esposta al fumo passivo durante la gravidanza, predispone infatti ad incorrere nelle stesse identiche complicazioni della gravidanza della futura mamma fumatrice.

Prodotti per smettere di fumare

NoSmoke

Si tratta di uno spray 100% naturale che contiene estratti di Guaranà, Zenzero, Menta e Griffonia. È quindi un prodotto totalmente privo di effetti collaterali che agisce sull’organismo eliminando tutte le tossine e la nicotina accumulata.

Nosmoke
Libera il corpo dalla nicotina!
Recuperare l'energia perduta!
Acquisto

Usare NoSmoke è davvero semplicissimo: ovunque voi siate, sarà sufficiente una spruzzata attraverso un comodo applicatore per contrastare quel noioso desiderio di fumare. Inoltre è efficace fin dal primissimo utilizzo.

Per approfondire, leggere anche:

Nicorix

Nicorix è un prodotto naturale ed efficace che elimina il desiderio di nicotina e tutti i sintomi di astinenza. Due pillole al giorno bastano per liberarsi dal vizio, e guadagnare salute e un bell’aspetto. Gli ingredienti di Nicorix eliminano completamente tutti i problemi associati al fumo.

Nicorix
Elimina il desiderio di nicotina!
Naturale ed efficace!
Acquisto

L’effetto benefico di Nicorix è stato confermato dalle analisi e da centinaia di migliaia di persone in tutto il mondo. I risultati sono permanenti e irreversibili, le persone che smettono di farlo, non ricadono mai nella dipendenza. Non ci sono sintomi di astinenza come scoraggiamento, insonnia, cattivo umore, nervosismo, aumento dell’appetito.

In più, contiene solo ingredienti naturali quali radice Kudzu, Tè verde e Guaranà, per cui il prodotto è completamente sicuro e non provoca effetti collaterali.

Per approfondire:

Conclusioni

Il fumo di sigaretta (ma anche quello del sigaro o della pipa) comporta effetti immediati e complicanze immediate alla gran parte degli organi del nostro corpo. Anche il fumo passivo è altrettanto dannoso.

Anche se conosciamo perfettamente i danni del fumo, smettere di fumare può essere molto difficile. Ecco di seguito un articolo che può aiutarsi a farlo:

Domande frequenti sui danni del fumo

Perché fumare comporta danni alla salute?

Le sigarette contengono circa 600 ingredienti, molti dei quali si trovano anche nei sigari e nei narghilè. Quando questi ingredienti bruciano, generano più di 7.000 sostanze chimiche, la maggior parte delle quali sono velenose. Circa una settantina di queste sono correlate con un aumentato rischio di cancro.

A quali malattie polmonari può andare incontro un fumatore?

Oltre ad essere a maggior rischio di infezioni e malattie respiratorie, le persone che fumano sono anche maggior soggette ad andare incontro a patologie polmonari croniche come enfisema, bronchite cronica, broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e cancro ai polmoni.

Quali sono i rischi del fumo passivo nei bambini?

I bambini i cui genitori fumano sono più inclini a tosse, respiro sibilante e attacchi di asma rispetto ai bambini i cui genitori non fumano. Tendono anche ad avere tassi più elevati di polmonite e bronchite.

Come il fumo peggiora il nostro aspetto estetico?

Il fumo comporta danni per la pelle in quando accelera l’invecchiamento, anticipando la comparsa delle rughe. Il monossido di carbonio, entrando a contatto con il sangue, andrà ad esaurire molti nutrienti, tra cui la vitamina C. Questo farà apparire la nostra pelle scolorita e spenta. La nicotina, provocando restringimento dei vasi sanguigni, danneggerà fibre e tessuto connettivo. La nostra pelle perderà spessore ed elasticità, andando quindi più soggetta a smagliature.

Perché le donne incinte devono smettere di fumare?

Fumare in gravidanza è molto rischioso in quanto espone a molti rischi. Riduce la quantità di ossigeno disponibile per la mamma ed il feto, incrementa la frequenza cardiaca del bambino e la pressione arteriosa nella madre, aumenta le possibilità di aborto spontaneo, parto prematuro o morte intrauterina del feto, favorisce un basso peso alla nascita del neonato e aumenta il rischio di problemi respiratori del bambino durante e dopo il parto.

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora (è gratuito).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.