Cos’è la dermatite? Cause, Sintomi e Trattamenti

Pubblicato: 23 Luglio, 2020 di Sara

La dermatite è un termine generale che indica diversi tipi di malattie e irritazioni della pelle. Coloro che soffrono di dermatite, hanno di solito alcuni punti della pelle secchi, arrossati e gonfi. Tuttavia, a seconda del tipo di dermatite, cause e sintomi possono essere anche molto diversi tra loro.

Alcuni tipi di dermatite possono comportare un prurito molto intenso, altri invece possono provocare rotture e infiammazioni. In alcuni casi, può trattarsi di un problema destinato a durare pochi giorni, in altri si stratta di una malattia cronica. Alcune dermatiti sono infine più comuni nei bambini, altre negli adulti.

Tipi di dermatite

Esistono diversi tipi di dermatite. Ecco di seguito quelle più comuni:

  • Dermatite atopica: è una malattia cronica della pelle caratterizzata da secchezza, arrossamenti e prurito. Viene spesso indicata anche col nome di “Eczema”. Fattori scatenanti della dermatite atopica sono la predisposizione genetica, le condizioni climatiche e l’inquinamento. Alla base, sembra comunque esserci una variazione genetica che influisce sulla capacità della pelle di fornire protezione nei confronti di agenti atmosferici, sostanze irritanti ed altri allergeni;
  • Da contatto: si verifica quando una sostanza irritante tocca la pelle e provoca una reazione allergica o un’irritazione. Queste reazioni possono svilupparsi ulteriormente in eruzioni cutanee che provocano bruciore, prurito e vesciche dolorose piene di liquido. Un esempio su tutti è la dermatite o eritema da pannolino provocato dal contatto fra urine o feci e la delicata pelle del sederino del neonato;
  • Seborroica: conosciuta anche col nome di crosta lattea, questo tipo di dermatite si verifica comunemente sul cuoio capelluto, sulle sopracciglia o sul viso del neonato. Provoca chiazze squamose di colore giallo e bianco che si staccano. Le cause più comuni della dermatite seborroica sono un’iperattività momentanea delle ghiandole sebacee del bambino oppure un’infezione fungina. In alcuni casi i due fattori possono rafforzarsi a vicenda;
  • Neurodermite: si tratta di un tipo di dermatite che comporta un desiderio inarrestabile di grattarsi, spesso innescato da stress o da una sostanza irritante venuta a contatto con la pelle.

Quali sono i sintomi

I sintomi della dermatite variano da lievi a gravi e possono essere diversi a seconda del tipo o della parte del corpo interessata. In generale, i sintomi della dermatite possono includere:

  • Pelle secca
  • Arrossamento
  • Prurito
  • Gonfiore
  • Eruzioni cutanee
  • Croste di pelle che si staccano
  • Vesciche o pustole piene di liquido

Quali sono le cause

Le cause della dermatite, come abbiamo detto, variano a seconda del tipo. Ad esempio, la dermatite da contatto si verifica quando si entra in contatto diretto con una sostanza irritante o un allergene. I più comuni materiali associati a questo tipo sono:

  • Detersivi
  • Cosmetici
  • Nichel
  • Metalli

La dermatite atopica o eczema invece ha spesso un’origine genetica tanto da essere collegata a disturbi di tipi allergico come l’asma. Quella seborroica è probabilmente causata da un fungo molto simile a quello che provoca la forfora negli adulti.

Come si fa la diagnosi

Se si manifestano uno o più sintomi di dermatite, sarà opportuno rivolgersi subito ad un medico il quale eseguirà un esame fisico della pelle interessata dal problema e prenderà informazioni sulla nostra storia clinica e familiare.

Qualora sospettasse la presenza di un’allergia, potrebbe anche eseguire delle prove allergiche cutanee oppure un esame del sangue.

In presenza di irritazioni, pustole o lesioni, il dermatologo potrebbe anche decidere eseguire una biopsia cutanea per capire la causa. Questa tecnica, per niente invasiva,  prevede che il medico rimuova un piccolo campione della pelle interessata, che viene poi esaminato al microscopio.

Come curare la dermatite

I trattamenti per la dermatite dipendono dal tipo, dalla gravità dei sintomi e dalla causa. Fra questi troviamo:

  • Farmaci antistaminici per ridurre il prurito e altri sintomi di allergia;
  • Fototerapia o esposizione delle aree interessate a quantità controllate di luce;
  • Creme topiche a base di steroidi come l’idrocortisone per alleviare il prurito e l’infiammazione;
  • Lozioni o creme per la pelle secca;
  • Creme antibiotiche o antibiotici per via orale quando ci sono graffi e si è sviluppata un’infezione;
  • Prodotti antimicotici in caso di infezioni dovute a funghi;
  • Farmaci a base di corticosteroidi per via orale nel caso di infiammazioni dolorose e/o molto estese.

Rimedi casalinghi contro la dermatite

Nei casi di dermatite da lieve a moderata è possibile intervenire con alcuni rimedi casalinghi volti a ridurre il prurito e il rossore.

A tal proposito, può rivelarsi molto utile immergere la pelle in una soluzione di acqua o bicarbonato oppure fare un bagno in una vasca in cui avrete disciolto della polvere di avena colloidale.

Anche l’applicazione di alcuni ingredienti naturali ricchi di sostanze antiossidanti quali acidi grassi e vitamina E (ad esempio l’olio di cocco o l’olio di oliva) può essere molto efficace. Questi rimedi, però, sono da evitare se la pelle è rotta o è presente un’infezione.

Dato che, infine, l’eczema può riacutizzarsi quando siamo stressati, in alcuni casi è possibile ricorrere anche a terapie rilassanti alternative quali il massaggio, l’agopuntura o lo yoga.

Rapporto tra dieta e dermatite

L’eliminazione di alcuni alimenti dalla dieta può aiutarci a gestire i sintomi di dermatite, soprattutto nel caso di dermatite atopica. In alcuni casi, anche l’uso di integratori alimentari a base di vitamina D o probiotici può servire a ridurre l’eczema.

In particolare, visto che molte persone con dermatite atopica soffrono anche di allergie alimentari, potrebbe essere necessario eliminare uno o più di questi alimenti:

  • Latte di mucca
  • Uova
  • Soia
  • Glutine
  • Noci e frutta secca
  • Arachidi
  • Pesci
  • Molluschi e crostacei

Sempre a proposito del rapporto fra dieta e dermatite, è senz’altro utile sapere che ci sono alcuni cibi che possono servire a ridurre i sintomi dell’eczema. Questi sono:

  • Pesce grasso ad alto contenuto di omega-3 come il salmone e le aringhe;
  • Alimenti contenenti quercetina, un potente antiossidante che ha la capacità di ridurre l’infiammazione e i livelli di istamina nel nostro corpo, quali mele, mirtilli, ciliegie, broccoli, spinaci, cavolo;
  • Cibi contenenti probiotici, utili a sostenere il sistema immunitario, quali yogurt, formaggi a pasta molle e latticini in genere a meno di non essere allergici al latte di mucca.

Indubbiamente, anche se non esiste una dieta anti-eczema specifici, assumere alimenti ricchi di vitamine, minerali e sostanze antiossidanti, come ad esempio nel caso della dieta mediterranea, basata su frutta, verdura, cereali e grassi sani, può essere molto utile per evitare la riacutizzazione della dermatite e per limitarne i sintomi più gravi.

Come prevenire la dermatite

La consapevolezza è il primo passo per evitare la dermatite, soprattutto quando la causa ha una natura allergica come per la dermatite atopica o la dermatite da contatto.

L’unico modo per prevenire una reazione allergica è, infatti, quello di evitare il contatto con gli allergeni o le sostanze che causano l’eruzione cutanea o il prurito. Altri comportamenti che possono essere utili per prevenire le riacutizzazioni dell’infiammazione sono:

  • Evitare di toccare o graffiare l’area interessata;
  • Ridurre la secchezza della pelle facendo docce più brevi, usando saponi delicati e facendo il bagno in acqua tiepida anziché calda;
  • Adottare una routine quotidiana di cura della pelle a base di prodotti adatti al proprio tipo di pelle.

Prodotti topici naturali per la pelle

Vediamo ora una carrellata di prodotti topici naturali (creme, cerotti, ecc) che possono essere utili a risolvere problematiche specifiche della pelle che possono essere correlati con alcuni tipi di dermite quali acne, rughe, impurità.

Seborax

Questo siero dalla consistenza leggera si rivela altamente efficace contro comedoni e brufoli grazie alla sua formulazione a base di: Vitamina B3 o Niacinamide dalle forti proprietà antiossidanti e seboregolatrici; Acido Salicilico, cui è affidata invece una funzione sfiammante; Acido Ialuronico, sostanza già presente nella nostra cute che ha il compito di stimolare la produzione di collagene; Aloe vera, tè verde e camomilla, che insieme costituiscono il TCA Complex deputato a ridurre ogni tipo di imperfezione.

Per saperne di più leggi anche:

Eyskin

Il siero EySkin contiene al suo interno solo ingredienti naturali non dannosi per la salute della nostra pelle. La forte concentrazione di antiossidanti e complessi microsferici certificati fa in modo che il prodotto venga assorbito in profondità, levigando le rughe, eliminando le occhiaie e appianando visibilmente eventuali borse o gonfiori delle palpebre dovute a stanchezza o vecchiaia.

Per sapere di più leggi anche:

LiftoPatch

LiftoPatch è un cerotto antirughe che ha la funzione di tirare la pelle nelle aree problematiche. Le strisce non sono visibili ad occhio nudo in quanto ha una speciale superficie esterna. È quindi in grado di stringere l’ovale del viso, togliere il doppio mento, sbarazzarsi di profonde pieghe naso-labiali, sollevare gli zigomi, guance e rendere il viso visibilmente più giovane.

Oltre all’azione di sollevamento, questi cerotti aiutano anche i muscoli facciali a ricordare la corretta postura e con il tempo il difetto sarà completamente eliminato, migliorando la circolazione e fornendo nutrimento alla pelle grazie alla particolare formulazione a base di sostanze naturali.

Le strisce sono realizzate con materiali ipoallergenici e non richiedono l’uso di attrezzature speciali per la loro applicazione.

Per saperne di più, leggi anche:

Conclusioni

Ti è piaciuto il nostro articolo sulla dermatite? Allora potrebbe interessarti anche:

Domande frequenti sulla dermatite

Cos’è la dermatite?

La dermatite è un termine generale che indica diversi tipi di malattie e irritazioni della pelle.

Quali sono i più comuni tipi di dermatite?

I più comuni tipi di dermatite sono la dermatite atopica o eczema, la dermatite da contatto, la dermatite seborroica conosciuta anche col nome di crosta lattea e la neurodermite.

Quali sono i sintomi generali di dermatite?

I sintomi generali di dermatite sono pelle secca, arrossamento, prurito, gonfiore, eruzioni cutanee, croste di pelle che si staccano e vesciche o pustole piene di liquido.

Quali sono le cause di dermatite?

Le cause della dermatite variano a seconda del tipo. Ad esempio, la dermatite da contatto si verifica quando si entra in contatto diretto con una sostanza irritante o un allergene. La dermatite atopica o eczema invece ha spesso un’origine genetica tanto da essere collegata a disturbi di tipi allergico come l’asma. Infine, la dermatite seborroica è probabilmente causata da un fungo molto simile a quello che provoca la forfora negli adulti.

Come si cura la dermatite?

I trattamenti per la dermatite includono: farmaci antistaminici per ridurre il prurito e altri sintomi di allergia, fototerapia, creme topiche a base di steroidi come l’idrocortisone per alleviare il prurito e l’infiammazione, lozioni o creme per la pelle secca, creme antibiotiche o antibiotici per via orale quando ci sono graffi e si è sviluppata un’infezione, prodotti antimicotici in caso di infezioni dovute a funghi e farmaci a base di corticosteroidi per via orale nel caso di infiammazioni dolorose e/o molto estese.

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.