Dieta del metabolismo: tutto ciò che devi sapere [2020]

0

Lo scopo della dieta del metabolismo è che in un determinato lasso di tempo si possa perdere peso incrementando il processo metabolico.

Tale processo consiste nella reazione chimica che avviene nelle cellule di tutti gli organismi viventi per garantirne la vita. In qualsiasi momento il nostro metabolismo sta consumando, conservando o costruendo. Ognuno di noi ha un metabolismo perché è vivo e la vita richiede energia. Tutti necessitiamo di energia per sopravvivere, per respirare, muoversi, pensare ed agire e l’unica forma per ottenere questa energia è attraverso il cibo.

Un metabolismo sano e funzionale ci permette di avere la quantità esatta di energia disponibile, una quantità adeguata da conservare e pronta per essere utilizzata e una struttura corporea forte e stabile.

ultrametabolismo
Drena i Liquidi in Eccesso!
Riattiva il metabolismo!
Acquisto
garcinia cambogia
Senza additivi e senza glutine!
60% HCA di estratto secco!
Acquisto
aloe ferox
Fino - 6Kg in un mese!
Brucia direttamente il grasso, anche localizzato!
Acquisto
spirulina fit
Attiva il metabolismo!
Depura fegato e intestino!
Acquisto

Che cos’è la dieta del metabolismo

La Dieta del Metabolismo, creata dalla nutrizionista americana  Haylie Pomroy, è un piano che permette di dimagrire fino a 10 chili in 28 giorni , soprattutto, di agire sul proprio metabolismo.

Probabilmente, all’inizio potrebbe apparire complicata, ma con un po’ di organizzazione il tutto avverrà in maniera più semplice e accessibile.

Mangiare salutare appaga il nostro metabolismo, però la dieta del metabolismo gli dona nuova vitalità. Questa dieta si basa su una premessa semplice: confondere il nostro metabolismo. Proprio come si potrebbe fare un allenamento combinato per migliorare le prestazioni atletiche del nostro corpo, l’allenamento combinato del nostro metabolismo stimola diversi meccanismi (consumo, costruzione, riparazione) per massimizzare gli sforzi.

La dieta del metabolismo rompe i modelli alimentari introducendo, invece, alcuni dei nutrienti vitali che fino ad ora non avevamo assunto, ma mai allo stesso modo per due o tre giorni successivi. Questa strategia mantiene il corpo attivo, invertendo gli schemi biochimici che hanno rallentato il tuo metabolismo.

Come funziona la dieta del metabolismo

La dieta del metabolismo è un piano di 28 giorni che ha come obiettivo prendersi cura del proprio metabolismo. È in pratica un modo di nutrirsi abbondante, salutare e variegato, che dà al proprio corpo gli alimenti di cui realmente ha bisogno.

Perdere peso è la gradevole conseguenza che il nostro metabolismo sta iniziando a funzionare come dovrebbe.

Di fatto, una delle ragioni principali per le quali è così difficile perdere peso, è l’avere un metabolismo lento. Sebbene ciò possa derivare da un fattore genetico che dunque influenza più o meno il nostro metabolismo, ci sono dei fattori che tutti dobbiamo tenere a mente.

Fattori essenziali della dieta del metabolismo

  • Evitare cibo spazzatura: questi alimenti rallentano il nostro metabolismo. Si tratta di cibi che contengono zuccheri, farine raffinate e grassi poco salutari. Questo tipo di alimenti finiscono per trasformarsi in grassi che il nostro corpo immagazzina.
  • Mangiare di più: sebbene possa sembrare strano, mangiare più alimenti salutari più volte al giorno è molto più efficace che mangiare solo due foglie di lattuga. Questo perché il nostro metabolismo necessita di molto cibo, più di quella che una dieta ipocalorica ci potrebbe dare.
  • Fare sport: l’esercizio fisico, oltre ad essere un antidepressivo naturale (in quanto il nostro corpo secerne endorfine che ci danno buon umore) è una forma eccellente di accelerare il nostro metabolismo e incrementare la massa muscolare.
  • Non stressarsi: anche se può sembrare non correlato, uno dei fattori che più contribuisce all’alterazione del peso è lo stress. Non solo perché può portarci a mangiare per ansia, ma anche perché quando siamo stressati il nostro corpo non lavora bene.
Dieta del Metabolismo

Come fare la dieta del metabolismo

Quando si inizia la dieta del metabolismo è necessario conoscere il proprio peso, misurare fianchi, vita, circonferenza di gambe e braccia. Questo ti aiuterà a capire meglio i risultati raggiunti. Anche il calcolo del proprio indice glicemico rappresenta un dato utile da cui partire con la dieta.

Il metabolismo cambia a seconda della nostra genetica e delle abitudini alimentari di ogni persona. Esistono tre tipi di metabolismo a cui dobbiamo fare riferimento, a seconda della nostra alimentazione, per poter iniziare la dieta.

  • Tipo Carboidratico: se sei è una persona che consuma farine, hai bisogno di mangiare molte verdure, pochi grassi e poche proteine. Puoi aggiungere anche una quantità ragionevole di cereali, possibilmente quelli che contengono molte fibre. Bisogna limitare il consumo di sale, spinaci, asparagi e cavolfiore.
  • Tipo Proteico: per mantenersi sani devi mangiare poche verdure e una maggior quantità di carne  e pesce. I cereali, dato l’alto contenuto di zuccheri, non sono consigliati se hai questo tipo di metabolismo.
  • Tipo Misto: ossia una via di messo di questi due tipi di alimentazione in termini di necessità nutrizionali. Dunque si può consumare in piccole porzioni tutto ciò che è presente negli altri due tipi metabolici.

Le fasi della dieta del metabolismo

Come già detto, la dieta dura almeno 28 giorni i quali corrispondono ad un ciclo. Ogni ciclo è composto da quattro settimane e ogni settimana si divide in tre fasi. Ognuna di queste ha caratteristiche e obiettivi specifici. In ogni fase si mangiano determinati tipi di alimenti.

Qui alcuni esempi:

  • FASE 1: cereali + frutta
  • FASE 2: proteine + verdure
  • FASE 3: grassi salutari

Fase uno

La Fase 1 dura 2 giorni ed è pensata per assimilare gli alimenti e trasformarli in energia. Inoltre, questa fase, grazie alla presenza di zuccheri naturali, provoca il rilassamento delle ghiandole surrenali.

È la fase con il più alto indice glicemico, abbonda in frutta e cereali con indice glicemico medio, è moderata in proteine e bassa in grassi. In questa fase è previsto almeno un allenamento cardio.

Fase due

La Fase 2, come la fase 1, dura due giorni, il suo obbiettivo principale è liberare i grassi accumulati.

È la fase con meno calorie e più proteine, prevede infatti che si consumino solo proteine di origine animale e verdure alcaline, ossia quelle i cui residui non metabolizzati dall’organismo hanno un pH basico. Infatti, le verdure sono molto importanti in questa fase in quanto aiutano a mantenere il nostro pH. In questa fase è previsto almeno un allenamento anaerobico.

Fase tre

La Fase 3 dura tre giorni e ha come obiettivo trasformare i grassi liberati nella fase due in energia. È una fase costituita da grassi salutari, proteine in misura moderata, pochi cereali e frutta a basso indice glicemico.

In questa fase è prevista almeno una sessione di attività fisica che rilassi il nostro corpo.

Le regole della dieta del metabolismo

Dato che l’obiettivo della dieta è “riparare” il nostro metabolismo, vi sono alcune regole necessarie da seguire. La prima è che bisogna mangiare. Infatti, il pilastro da cui partire per iniziare la dieta del metabolismo, è mangiare cinque volte al giorno, ossia 35 volte a settimana. La regola va seguita per cui non si devono saltare i pasti.  

Cosa fare

  1. Mangiare cinque volte al giorno: ossia durante i tre pasti principali (colazione, pranzo e cena) e due snack (uno a metà mattina metà pomeriggio).
  2. Mangiare ogni due, tre o quattro ore: il tempo minimo tra un pasto e l’altro deve essere due ore, mentre quello massimo quattro.  
  3. Fare colazione nella prima mezz’ora dopo il risveglio: non solo non si può saltare la colazione, bisogna anche farla in un arco di tempo minimo, ogni giorno. Questo fa sì che il nostro metabolismo si attivi immediatamente.
  4. Seguire il programma per almeno quattro settimane: agire sul metabolismo non è una cosa che si può fare in un giorno, per farlo il nostro corpo necessita almeno di 28 giorni. È fondamentale non interrompere il programma.
  5. Rispettare il piano alimentare in ogni fase: ogni fase infatti ha una tabella che prevede determinati cibi.
  6. Consumare carne senza nitriti o nitrati: ossia quelle sostanze che normalmente si aggiungono agli insaccati e alle carni per essere conservati più a lungo.  
  7. Fare esercizio fisico a seconda della fase: lo sport è un fattore molto importante, sia per il nostro metabolismo sia per il nostro umore. Ogni fase ha il suo tipo di allenamento.  

Cosa non fare

  1. Niente grano, si tratta di uno dei cereali con indice glicemico più alto.
  2. Niente mais, così come il grano anche il mais ha un indice glicemico molto alto ed è un concentrato di zuccheri che si trasformano in riserve di grasso.
  3. Nessun prodotto lattiero-caseario.
  4. Niente soia, la ragione più importante per non consumarla è che contiene estrogeni vegetali.
  5. Niente zuccheri raffinati.
  6. Niente caffeina, “stressa” le nostre ghiandole surrenali.
  7. Niente alcol, fa aumentare la nostra glicemia perché ricco di zucchero.
  8. Niente frutta secca né succhi di frutta, sia industriali sia fatti in casa, perché perdono le loro fibre.
  9. Nessun dolcificante artificiale.
  10. Nessun alimento dietetico o light, gli alimenti industriali di questo tipo hanno una serie di componenti artificiali che non sono salutari per il nostro organismo.  

Come viene usato il cibo dal nostro organismo

Essendo la dieta metabolica, basata sulla cura del nostro metabolismo e sul mangiare cinque volte al giorno, bisogna entrare nell’ottica di vedere il cibo come una medicina. Tutto questo cibo verrà utilizzato dal nostro corpo in questo modo:

  • Fegato. Il fegato è responsabile di più di 600 funzioni metaboliche dell’organismo, ogni giorno, valuta se mantenere lo zucchero come grasso o consumarlo in forma di energia. Alimenti ricchi di proteine e verdure verdi alcaline e ricchi di azoto, come quelle previste nella fase due, sono catalizzatori della funzione epatica.  
  • Ghiandole surrenali. Regolano gli ormoni dello stress, determinano lo sviluppo del muscolo e del grasso e aiutano a regolare il livello degli zuccheri nel sangue durante il giorno. Sono responsabili di tutto, dal livello di energia allo stato d’animo, si alimentano con frutta ad alto contenuti glicemico, come mango e ananas, cereali complessi come riso integrale e quinoa, che si mangiano in grande quantità nella fase uno. Grazie alle ghiandole surrenali, gli alimenti giusti possono essere una delle migliori forme per ridurre lo stress.
  • Tiroide. È responsabile di più dell’80% della nostra capacità di bruciare i grassi. Gli ormoni secreti dalla tiroide si alimentano dei grassi buoni trovati nei cibi quali, noci, semini, cocco, olio di oliva, insomma negli alimenti previsti nella fase tre.
  • L’ipofisi. È la conduttrice dell’andamento del nostro corpo. È tenuta in vita da micronutrienti presenti negli alimenti naturali.
  • La sostanza corporea.

Dieta del metabolismo: conclusioni

Cerca di conoscere il tuo corpo e di perdere peso capendo qual è il tuo metabolismo. Una volta che inizierai a capire la quantità di cibo di cui avrai bisogno giornalmente, ti abituerai a mangiare in quel modo. Come sempre, è consigliabile prima di iniziare qualsiasi dieta, sottoporsi ad un controllo medico per capire quale è il regime adeguato per la tua alimentazione.  

Ricorda, ogni corpo ha il suo ritmo. Ovviamente è perfettamente normale che non tutti raggiungano il proprio peso forma in quattro settimane, soprattutto se si devono perdere molti chili. Questo però, non è un problema, in quanto non vi è un limite temporale alla dieta. Puoi seguirla fino a quando non raggiungi il tuo obiettivo. Una volta ottenuto il tuo peso forma puoi passare alla fase di mantenimento.

Se hai molto tempo a disposizione e ti piace cucinare e sperimentare, la grande varietà di alimenti previsti nella dieta del metabolismo, ti permetterà di dare sfogo alla tua fantasia e creare ogni giorno piatti differenti.

Se invece, sei una persona che non ha molto tempo a disposizione, puoi pensare a preparare qualcosa di semplice da portare con te, qualcosa che non necessiti di molto tempo per essere preparata e che possa essere congelata per averla sempre pronta quando serve. Si tratta solo di iniziare e di organizzarsi bene.

Ti potrebbe interessare anche:

Dieta del metabolismo: domande frequenti

Cos’è la dieta metabolica?

La dieta metabolica è un modo semplice di adattare una dieta ad ogni individuo a seconda della sua conformazione fisica e delle sue abitudini alimentari, trovando il giusto equilibrio nel consumo di carboidrati per il proprio corpo.

La dieta del metabolismo include l’esercizio fisico?

Sì, ogni fase della dieta ha la propria attività fisica.

Quali sono le quantità delle porzioni previste dalla dieta?

Più peso si deve perdere più di deve mangiare perché il tuo metabolismo deve lavorare di più di quello di una persona che non deve dimagrire. Ricorda: la regola su cui si basa la dieta è non patire la fame.

Come funziona la dieta del metabolismo?

La dieta si svolge in 28 giorni, si divide in tre fasi e lo schema in cui queste sono ripartite si ripete ogni settimana.

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora (è gratuito).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.