Proteine del latte: quali proprietà hanno e a cosa servono

0

Le proteine del latte sono un particolare tipo di proteine del latte che si ottiene dalla lavorazione dei prodotti lattiero- caseari. Sono presenti in particolare nel siero di latte, chiamato anche latticello, oppure prendo in prestito un termine dalla lingua inglese “whey protein”.  Vediamo ora di seguito quali proprietà hanno e a cosa servono le proteine del latte o proteine del siero di latte.

Proprietà delle proteine del siero di latte

Negli ultimi anni è diventato sempre più frequente l’utilizzo di integratori alimentari a base di proteine. Sia che si parli di polveri, bevande o barrette uno degli ingredienti principali sono le proteine del latte o siero di latte.

Quest’ultimo altro non è che il prodotto di scarto di quando il latte viene trasformato per formare formaggio o yogurt. Si tratta di una sostanza altamente proteica che ha anche il vantaggio di essere digerita molto facilmente in quanto non sono presenti le proteine della caseina che sono a digestione più lenta.

Il siero di latte e la caseina sono entrambi considerati proteine di alta qualità perché contengono tutti gli aminoacidi necessari al nostro corpo. Tuttavia, il siero di latte è considerato particolarmente utile per aumentare la produzione di nuove proteine nei muscoli. Per questo motivo è molto utilizzato per la composizione di integratori destinati alla dieta degli sportivi.

In particolare, le “whey protein” sono costituite da vari tipi di proteine, in particolare da beta-lattoglobuline (65%), alfa-lattoalbumine (25%), siero albumine (8%) e immunoglobuline. Inoltre, anche le persone che soffrono di intolleranza al lattosio, possono assumere tranquillamente proteine del siero di latte in quanto la quantità di lattosio è talmente scarsa da non dare luogo a reazione allergica. Visto che, infine, il processo di produzione è più elaborato per l’isolato di siero di latte rispetto al concentrato, il primo è generalmente più costoso del secondo.

Tipi di siero di latte

Esistono però diversi tipi di proteine ​​del siero di latte utilizzate negli integratori. Le più comuni sono:

  • Il concentrato di siero di latte;
  • L’isolato di siero di latte;
  • L’idrolizzato di siero di latte.

Queste forme sono prodotte utilizzando diverse tecniche di lavorazione e variano leggermente nel loro contenuto nutrizionale. Quando, infatti, il siero di latte liquido viene raccolto come sottoprodotto della produzione di formaggio o yogurt, subisce diverse fasi di lavorazione per aumentarne il contenuto proteico. In alcuni casi, il liquido viene essiccato per formare polvere di concentrato di siero di latte che contiene fino all’80% di proteine in peso. Il restante 20% della polvere di concentrato di siero di latte contiene carboidrati e grassi.

Se si utilizzano invece altre fasi di lavorazione per ridurre il contenuto di grassi e carboidrati del siero di latte, è possibile produrre una polvere di siero di latte isolata contenente il 90% o più di proteine in peso.

Infine, l’idrolizzato di proteine ​​del siero di latte può essere considerato come una forma “predigerita” di proteine ​​del siero di latte in quanto ha già subito un’idrolisi parziale, un processo necessario affinché il corpo assorba le proteine. Questo tipo di proteine del siero di latte è comunemente usato negli integratori proteici medici e nelle formule per l’infanzia a causa della sua migliore digeribilità e del ridotto potenziale di allergeni.

Caratteristiche dei vari tipi di proteine del latte

Complessivamente, quindi, le fasi di lavorazione utilizzate nella produzione dell’isolato di siero di latte comportano un maggiore contenuto proteico e un minor contenuto di grassi e carboidrati per porzione. Tuttavia, i tipi di aminoacidi presenti in entrambe le forme di siero di latte sono praticamente identici, poiché sono derivati dalle stesse proteine.

Ciascuno di questi tre tipi di proteine del siero di latte può a sua volta essere arricchito negli integratori alimentari di altre sostanze quali:

  • Vitamine, in particolare quelle del gruppo B per aumentare la resistenza alla fatica e ridurre la stanchezza;
  • Carboidrati, in genere maltodestrine, dei polimeri derivanti dal processo di idrolisi degli amidi, il cui scopo è quello di garantire un apporto costante di energia mantenendo relativamente stabile la glicemia;
  • Creatina, un aminoacidico naturalmente presente nel nostro organismo e presente in gran quantità negli alimenti di origine animale, il cui fabbisogno aumenta quanto i muscoli vanno sotto sforzo.

Tuttavia, l’aggiunta di queste sostanze non contribuisce a modificare il prezzo di vendita, che invece dipende soprattutto dal contenuto proteico. Maggiore è infatti la concentrazione di proteine rispetto a grassi e carboidrati, maggiore è anche il costo del prodotto. Per questo, le formulazioni con isolato del siero di latte sono più costose di quelle a base invece di concentrato.

Per la scelta di quali proteine del latte utilizzare, occorre infine tenere conto che il processo di lavorazione che porta alla creazione dell’isolato di siero di latte, in gergo tecnico “microfiltrazione” o “ultrafiltrazione”, oltre a ridurre la quantità di grassi e carboidrati, sottrae al siero anche altre sostanze come lattoferrine, immunoglobuline e macropeptidi. Tali sostanze sono invece conservate nel concentrato.

Proteine Siero Latte

A cosa servono le proteine del latte

Le proteine del latte trovano un’ampia gamma di applicazioni, che va dall’industria alimentare a quella zootecnica. Sono, infatti, un comune additivo, specie negli alimenti dolciari, come merendine, creme, budini e altri prodotti da forno.

È tuttavia nel settore dell’integrazione alimentare che le proteine del siero trovano la loro più nota applicazione. Rispetto alle altre fonti proteiche (carne, uova, soia e così via) le Whey protein vantano alcune caratteristiche peculiari:

  • Alto contenuto in amminoacidi ramificati;
  • Valore biologico superiore per l’ottima presenza di amminoacidi essenziali;
  • Elevata digeribilità con rapido aumento della concentrazione plasmatica.

Vantaggi delle proteine del latte

Grazie a tali caratteristiche le proteine del latte:

  • Favoriscono la sintesi proteica in cui sono coinvolte anche alcune vitamine del gruppo B;
  • Incentivano il recupero dopo un allenamento muscolare particolarmente intenso;
  • Offrono supporto per la gluconeogenesi, vale a dire la produzione di energia da parte di alcuni amminoacidi, processo molto importante soprattutto durante il digiuno e le attività fisiche prolungate;
  • Stimolano la crescita muscolare;
  • Aumentano il rilascio di insulina, specialmente se assunte prima o con pasti ricchi di carboidrati, diminuendo così la glicemia generale;
  • Abbassano la pressione sanguigna, effetto che è stato attribuito a una famiglia di peptidi bioattivi presenti quasi esclusivamente nei latticini, i cosiddetti “inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina” o ACE-inibitori;
  • Sono efficaci contro le malattie di tipo infiammatorio (ad esempio in Morbo di Crohn) in quanto è stato dimostrato che dosi elevate di proteine del siero di latte riducono i livelli ematici di proteina C reattiva, fattore che a aiuta a ridurre gli stati infiammatori;
  • Riducono lo stress ossidativo dunque l’invecchiamento cellulare, in quanto tutti i prodotti altamente proteici sono particolarmente ricchi di cisteina, aminoacido con forte potere antiossidante;
  • Possono essere utili nel trattamento di alcuni sintomi correlati ad alcune malattie come il Diabete di tipo 2, la malattia coronarica, l’ictus, alcune forme di cancro e l’asma bronchiale nei bambini in quanto, in questo ultimo caso, sono capaci di migliorare la risposta immunitaria dell’organismo.

Benefici delle proteine del siero di latte per gli sportivi

Le proteine ​​del siero di latte sono tra i migliori integratori studiati al mondo e per buoni motivi. Come abbiamo scritto sopra, hanno infatti un valore nutrizionale molto elevato, sono facilmente digeribili e studi scientifici hanno rivelato anche numerosi altri aspetti benefici per la salute. Ma è soprattutto nella dieta degli sportivi che esse apportano i maggiori vantaggi. Ecco i principali:

  • Favoriscono la crescita muscolare: le fonti proteiche di alta qualità, come il siero di latte, sono particolarmente ricchi di un aminoacido a catena ramificata chiamato leucina. La leucina è il più importante promotore della crescita degli aminoacidi. Per questo motivo, le proteine ​​del siero di latte sono efficaci non solo per la prevenzione della perdita muscolare legata all’età ma anche per dare più tono e vigore ad un corpo giovane;
  • Hanno un alto potere saziante: le Whey protein, come in generale tutti gli alimenti proteici, sono in grado di dare un senso di pienezza che riduce l’appetito e il desiderio di mangiare. Per lo sportivo o colui che ad esempio sta facendo sport per dimagrire questo è di sicuro un grande vantaggio in quanto potrà continuare ad allenarsi senza avvertire i “morsi” della fame;
  • Riducono la massa grassa: mangiare più proteine favorisce in genere la perdita di grasso corporeo. Le proteine ​​del siero di latte hanno dimostrato di avere una marcia in più rispetto ad altri tipi di proteine (ad esempio le proteine vegetali ) in quanto hanno il potere di accelerare il metabolismo dei grassi e in più influiscono sul senso di sazietà, facendoci mangiare di meno.

Controindicazioni e possibili effetti collaterali

Pur includendo così tanti benefici per la salute, anche le proteine del latte possono comportare dei pericoli, soprattutto se consumate in modo eccessivo e da certe categorie di persone. Possibili effetti collaterali di un sovradosaggio di proteine ​​del siero di latte comprendono dolori di stomaco e crampi.

Alcune persone allergiche al lattosio possono inoltre essere specificamente allergiche anche al siero di latte. In questi soggetti, il consumo di dosi molto elevate può causare:

  • Dolori di stomaco;
  • Nausea, vomito e diarrea;
  • Mal di testa e affaticamento.

Occorre infine tenere presente che l’assunzione di troppe proteine è inutile. Il corpo può infatti utilizzare solo una quantità limitata di proteine in un dato momento. Un consumo eccessivo può quindi causare problemi digestivi, come nausea, dolore, gonfiore, crampi, flatulenza e diarrea anche in soggetti non allergici. Inoltre, dovrebbero astenersi dall’usare integratori di tipo proteico le persone che hanno avuto problemi al fegato o ai reni, in quanto un consumo eccessivo di proteine potrebbe sovraccaricare ulteriormente il lavoro di questi organi.

Conclusioni

Come abbiamo visto all’inizio le proteine del latte sono un particolare tipo di proteine del latte che derivano dalla lavorazione dei prodotti lattiero- caseari. Sono utilizzate ampiamente nell’industria alimentare per il loro alto valore proteico e negli ultimi hanno sono diventate il prodotto più usato nella realizzazione di integratori proteici per la dieta degli sportivi. Hanno infatti indubbi effetti benefici sulla nostra salute in generale e soprattutto favoriscono la sintesi proteica dell’organismo contribuendo a far crescere la massa muscolare. Tuttavia, possono rappresentare un pericolo se assunte in modo eccessivo e per alcune persone in particolare, come coloro che sono intolleranti al lattosio e coloro che hanno avuto in passato problemi al fegato e ai reni.

Ti potrebbero interessare anche:

Domande frequenti sulle proteine del latte

Da cosa derivano le proteine del latte?

Le proteine del latte o siero di latte altro non è che il prodotto di scarto di quando il latte viene trasformato per formare formaggio o yogurt.

Quanti e quali tipi di proteine del siero di latte esistono?

Esistono diversi tipi di proteine del siero di latte utilizzate negli integratori che sono: il concentrato di siero di latte; l’isolato di siero di latte; l’idrolizzato di siero di latte.

In cosa si differenziano il concentrato, l’isolato e l’idrolizzato di siero di latte?

Questi tre tipi di Whey protein si differenziano per il processo di lavorazione che fa sì che nell’isolato ad esempio ci sia una maggiore concentrazione di proteine rispetto al concentrato, che invece è più ricco di grassi e carboidrati. Infine, l’idrolizzato subisce un processo di lavorazione che rende le proteine del latte molto più digeribili.

Perché le proteine del latte sono utili contro il Diabete di tipo 2?

Le proteine del latte aumentano il rilascio di insulina, specialmente se assunte prima o con pasti ricchi di carboidrati, diminuendo così la glicemia generale.

Perchè gli sportivi assumono spesso integratori a base di proteine del siero di latte?

Le proteine del siero di latte favoriscono la crescita muscolare in quanto sono particolarmente ricchi di leucina, il più importante promotore della crescita degli aminoacidi. Inoltre le proteine del siero di latte hanno un alto potere saziante, quindi non fanno avvertire i “morsi” della fame durante l’allenamento e riducono la massa grassa.

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora (è gratuito).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.