Come allenarsi in palestra: pro e contro dei centri fitness

0

Allenarsi in palestra è per molte persone più che semplice sport. In molti casi questa routine diventa così radicata da farne quasi una filosofia di vita, anche senza dover per forza arrivare a livelli agonistici. D’altronde si tratta di un contesto decisamente particolare e unico nel suo genere, che vive di dinamiche precise e particolari.

Una struttura come una palestra ben organizzata ha davvero molto da offrire. Parliamo di un luogo che mette a disposizione dei propri iscritti un’attrezzatura completa e adatta a ogni obiettivo, dalla perdita di peso alla tonificazione, fino (ovviamente) allo sviluppo della massa muscolare.

Ecco che allora allenarsi in palestra appare come una tappa obbligatoria per chi ha intenzione di tenersi in forma o di cambiare radicalmente il proprio aspetto nel lungo periodo. Ma è tutto oro quel che luccica? Cerchiamo di capirlo insieme.

Come allenarsi in palestra: le basi

Sappiamo benissimo che nell’ideale comune la palestra è la soluzione a molti “mali”. Basti pensare a tutte quelle persone che si iscrivono in palestra per perdere peso, a quelle persone che si avventurano in un percorso di cambiamento personale o a tutti quelli che magari vorrebbero semplicemente qualche muscolo in più.

In ognuno di questi casi, però, la palestra da sola non potrà fare miracoli. Se vogliamo vedere dei cambiamenti concreti ed effettivi, infatti, la nostra attività sportiva non potrà prescindere dall’alimentazione. Senza un regime alimentare strutturato sull’obiettivo che vogliamo e dobbiamo raggiungere, difficilmente usciremo soddisfatti. Allora, che si tratti di una dieta per dimagrire 5 kg o di una dieta per dimagrire 10 kg, dovremo sempre riuscire a unire i due aspetti (sport e alimentazione) verso un traguardo comune.

In secondo luogo, anche se si ha già affinità con l’attività fisica, magari perché in passato abbiamo praticato altri sport, in palestra sarebbe meglio bandire il fai-da-te.  Si tratta in realtà di un punto spesso sottovalutato ma che porta con sé una duplice conseguenza. Spesso un nuovo iscritto in palestra, magari per risparmiare o per tenere un basso profilo in un ambiente nuovo, decide di andare in autonomia alla scoperta di esercizi e macchinari presenti. Rivolgersi al personale, invece, dovrebbe essere la regola fondamentale.

Primo, perché gli istruttori presenti conoscono alla perfezione tutti i macchinari presenti e le tecniche di esecuzione dei vari esercizi. Un inesperto infatti rischia seriamente di farsi male, anche con carichi bassi, se i movimenti non sono eseguiti in maniera corretta. Secondo, gli istruttori sanno aiutarvi nel definire un programma basato sui vostri obiettivi, affidandovi quindi esercizi e ripetizioni che effettivamente servono al vostro scopo. Pensate se, sbagliando, metteste su massa muscolare invece di bruciare grasso: finireste con l’avere sviluppato i vostri muscoli al di sotto del tessuto adiposo… vi riterreste soddisfatti?

Come per ogni cosa, esistono sia pro che contro per chi sceglie di allenarsi in palestra. Vediamone alcuni, rimandando la scelta finale a una valutazione che non potrà che essere soggettiva per ognuno di noi.

Allenarsi in palestra: i pro

Ovviamente sono molti i vantaggi per chi sceglie di allenarsi in una palestra rispetto a chi, per esempio, decide di dedicarsi allo sport casalingo. Vediamo i principali, senza dimenticare che ne esistono molti altri (come la possibilità di frequentare dei corsi organizzati) che potrebbero far pendere la bilancia verso questa scelta.

L’attrezzatura

Partiamo dal primo, il più importante: l’attrezzatura. Potrebbe sembrare inutile dirlo, ma i vari macchinari, pesi, panche, cyclette, tapis roulant sono strumenti costosi e ingombranti. Difficile quindi trovare un’alternativa per averli tutti a disposizione nello stesso momento e nello stesso posto. Inoltre spesso le palestre sono dotate anche di sale che, quando non sono occupate da corsi, possono essere utilizzate dai clienti per i propri allenamenti individuali. Innegabilmente poi la completezza della dotazione di una palestra fa la differenza quando si parla di determinati obiettivi. Basti pensare ai macchinari dedicati a tutto il tronco inferiore, o alle strutture per gli stacchi da terra in cui si possono muovere centinaia di chili senza timore di (letteralmente) sfondare il pavimento… Ecco quindi che la palestra consente di fare tutto ciò che vogliamo, senza porci limiti di qualità o di quantità di esercizi e carichi.

Istruttori e personal trainer

Secondo punto: la presenza di istruttori e personal trainer. Come abbiamo già avuto modo di vedere, queste due figure sono fondamentali nell’aiutarti a fare le cose giuste e a farle bene. Prima di tutto perché è necessario che tu faccia gli esercizi che ti servono veramente per raggiungere i tuoi obiettivi. Secondariamente perché una corretta tecnica di esecuzione è importantissima per far funzionare quell’esercizio, facendo lavorare i muscoli giusti ed evitando infortuni che potrebbero pregiudicare il percorso. Per molte persone, inoltre, essere seguite da un addetto ai lavori rappresenta uno stimolo psicologico da non sottovalutare, con lo scopo di dimostrare a una seconda persona i propri progressi.

Qualcuno potrebbe obiettare che al giorno d’oggi esistono numerose app dedicate al fitness domestico e video tutorial che spiegano nel dettaglio i singoli esercizi. Tutto vero, però bisogna sempre ricordare che chi è dall’altra parte dello schermo non vi vede e non può correggervi durante l’esecuzione…

Aspetto relazionale

Ultimo punto, l’aspetto relazionale.  Quando abbiamo parlato di come allenarsi in casa, abbiamo visto come uno degli svantaggi dello sport praticato tra le mura domestiche sia la mancanza del fattore sociale. In palestra sviluppiamo nuove conoscenze che ci permettono di trovare stimoli e rinforzo per fare del nostro meglio. Che si tratti di scambiare due chiacchiere tra un esercizio e l’altro o di avvertire la competizione con gli altri iscritti, in entrambi i casi avremo una conseguenza positiva sul nostro allenamento e, di conseguenza, sui risultati che potremo raggiungere.

Allenarsi in palestra: i contro

L’altra faccia della medaglia è rappresentata da quegli aspetti che giocano a sfavore della scelta di allenarsi in palestra. Analizziamoli in maniera oggettiva.

Aspetto economico

Senza troppi giri di parole: frequentare una palestra è una spesa non indifferente. L’esborso mensile medio si aggira su cifre tra i 40 e i 50 € per un abbonamento base, con i costi che salgono nel caso scegliessimo di frequentare alcuni corsi. Esistono strutture che permettono di sottoscrivere abbonamenti a prezzi più convenienti, però in quei casi dobbiamo vincolarci per più mesi. Quindi a fare da contraltare al risparmio c’è l’obbligo di  investire una cifra maggiore sul momento e l’impossibilità di cambiare palestra qualora dovessimo averne l’esigenza.

Tempo

Secondo fattore da prendere in considerazione è il tempo. Non tutti hanno la fortuna di avere una palestra vicino a casa o di potersi organizzare liberamente durante la giornata. Per molte persone diventa necessario incastrare l’allenamento nei (pochi) momenti liberi, magari a fine giornata di lavoro, con la logica conseguenza di trovare una struttura affollata e congestionata. A quel punto lo scenario che si prospetta è facile da immaginare: un allenamento che in condizioni normali porterebbe via un’ora o poco più rischia di dilatarsi sensibilmente per aspettare che altre persone liberino macchinari o attrezzi di cui abbiamo bisogno. Ecco quindi che i tempi possono tranquillamente raddoppiare, “togliendoci” un’ora che potremmo impiegare per fare altro.

Imbarazzo

Sicuramente non si tratta di uno svantaggio riconosciuto all’unanimità, però vale la pena prendere in considerazione anche questo punto. Molte persone che si affacciano alle palestre vivono male il confronto con le altre persone presenti. La sensazione di disagio che si fa spazio osservando le persone in forma intorno a noi non è facile da gestire, specie se appunto stiamo appena muovendo i primi passi in questi ambienti. Non bisogna dimenticare però che anche molte di quelle persone quando sono entrate la prima volta in palestra erano come noi. Pertanto, anche se siamo in forte sovrappeso o, al contrario, esili e fragili, non dobbiamo guardarle con imbarazzo, ma come un obiettivo da raggiungere, perché il lavoro e la costanza pagano sempre.

Come allenarsi in palestra: tipologie di allenamento

Vediamo ora quelle che sono le due filosofie principali di allenamento che è possibile mettere in pratica durante le nostre sessioni in palestra. Si tratta di alternative ugualmente valide e che possono essere utilizzate a seconda di quello che è il tempo che possiamo dedicare all’attività fisica o a quelli che sono i nostri obiettivi nel lungo termine.

Allenamento multifrequenza

L’allenamento in multifrequenza è quello che di solito viene consigliato ai principianti. Si tratta di programmi strutturati per coinvolgere in un’unica sessione la maggior parte dei gruppi muscolari del corpo, con l’intenzione di sollecitarli più volte nell’arco della settimana. Troveremo quindi nella stessa giornata esercizi per i pettorali e per i quadricipiti, per le braccia e per i glutei, senza sollecitarli in maniera eccessiva.

Questo perché l’obiettivo è di ripetere l’allenamento almeno altre due volte in sette giorni, pertanto i tempi di recupero dovranno essere brevi per rendere il programma efficace. Come detto, questa “filosofia” si sposa bene con le necessità dei neofiti, in quanto permette di sviluppare in maniera equilibrata la forza, facendo lavorare tutto il corpo e rinforzandone la struttura di base.

Allenamento monofrequenza

L’allenamento in monofrequenza è quello che prevede una sollecitazione al massimo delle possibilità dei singoli gruppi muscolari. Pensato soprattutto per sviluppare la massa muscolare, prevede che ogni gruppo venga allenato una sola volta ogni 6-7 giorni. Gli esercizi in questi piani quindi avranno come obiettivo portare il muscolo allo stremo, utilizzando carichi elevati con esercizi anche complessi (chiamati multiarticolari: panca piana, stacchi da terra, squat, …).

Avremo quindi un giorno dedicato, per esempio, a pettorali e tricipiti, il successivo a dorsali e bicipiti, per finire poi con gambe e spalle. In realtà la monofrequenza pura non esiste, perché molti muscoli vengono ugualmente coinvolti mentre si allenano gruppi diversi (gli stessi bicipiti sono chiamati in causa sollevando il bilanciere sulla panca piana). Questa accezione rimane comunque utilizzata per indicare i programmi strutturati in questo modo. Il consiglio è quello di metterli in pratica una volta presa confidenza con pesi e tecniche di esecuzione.

Conclusioni

Abbiamo visto che allenarsi in palestra rappresenta un’opzione universalmente valida. Ovviamente, come per ogni scelta, esistono fattori a favore e fattori contro, che devono essere valutati in maniera individuale. Di base, se l’investimento economico e il fattore tempo non rappresentano un problema, non ci sono ostacoli concreti. Iscrivendosi in palestra si apre un ventaglio enorme di opzioni, dato dalla completezza dell’attrezzatura a disposizione e dal poter fare affidamento sulla presenza di istruttori qualificati.

Quindi, qualunque sia il vostro obiettivo, all’interno di una palestra potrete raggiungerlo. Come sempre, a fare la differenza, saranno costanza e forza di volontà, oltre all’associazione con una dieta che vi permetta di ottenere risultati in tempi brevi e di mantenerli poi nel tempo.

Domande frequenti su come allenarsi in palestra

Quali sono i pro di allenarsi in palestra?

Partiamo dalla disponibilità di un’attrezzatura completa per ogni esigenza. Altrettanto importante è la presenza di istruttori e personal trainer. Infine conta anche l’aspetto relazionale, che funziona da ulteriore stimolo verso i nostri obiettivi.

Quali sono i contro di allenarsi in palestra?

Il primo svantaggio è il fattore economico dipendente dal costo degli abbonamenti. Secondariamente troviamo il fattore tempo che potrebbe incidere notevolmente sulla durata degli allenamenti. Infine non dobbiamo sottovalutare l’imbarazzo che potremmo provare mettendoci in confronto con gli altri.

Come posso allenarmi in palestra?

Esistono diverse filosofie e scuole di pensiero, tutte ugualmente valide e dall’efficacia soggettiva. Le principali si possono riassumere in allenamenti monofrequenza e in allenamenti multifrequenza.

La palestra da sola basta per perdere peso?

Ovviamente no, è necessario associare all’attività sportiva una dieta strutturata sui nostri obiettivi. Ciò è fondamentale sia che si tratti di perdere peso, sia che il nostro traguardo sia guadagnare massa muscolare.

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora (è gratuito).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.