Come sbiancare i denti: Rimedi casalinghi e trattamenti professionali

0

Mangiare mele aiuta a sbiancare i denti? Cosa c’è di vero in questa affermazione? In questo articolo parleremo del perché i denti ingialliscono e di come sbiancare i denti, illustrando sia i rimedi casalinghi che i trattamenti professionali che possiamo fare per avere di nuovo una dentatura bianca e splendente.

dentapulse
Riduce notevolmente la comparsa di cavità!
Pulizia e sbiancamento progressivi!
Acquisto
ibright
Sbarazzati di macchie di caffè, tè e sigarette!
Guadagna un sorriso accattivante!
Acquisto
denta seal
Elimina i difetti iniziali della carie!
Ripara le microfessure e i micropori sui denti!
Acquisto

Il colore dei nostri denti è solitamente bianco avorio. Questo è, infatti, il colore naturale dello smalto, che occupa lo strato superiore dei denti. La dentina, invece, che si trova nello strato inferiore, è di colore giallo. Con il passare degli anni e alcune abitudini scorrette i nostri denti possono perdere la loro colorazione candida e apparire gialli e coperti di macchie. Vediamo subito il perché.

Perché i denti ingialliscono

I nostri denti, col passare degli anni, possono perdere il loro colore candido a causa dell’usura e di alcune abitudini scorrette. La nicotina contenuta nel fumo di sigaretta, ad esempio, è capace di aggredire lo smalto, provocando macchie scure.

Anche alcuni alimenti e bevande, come ad esempio la liquirizia, il cioccolato, il tè e il caffè, possono macchiare lo strato più esterno dei denti. Queste stesse sostanze favoriscono anche i depositi di placca e tartaro, terreno fertile per i batteri che a lungo andare possono dare luogo a gengiviti, alitosi e carie.

Gli accumuli di placca e tartaro possono, a loro volta, provocare macchie brune all’attaccatura dei denti e fra dente e dente. Inoltre, l’acidità di alcune sostanze, come ad esempio il succo di limone, l’aceto o i succhi gastrici nel caso di coloro che soffrono di reflusso, può erodere lo smalto e portare in superficie la dentina, il tessuto osseo sottostante che è di colore giallo. In questo modo, i nostri denti non appariranno più bianchi ma gialli.

Anche il digrignare i denti di notte (bruxismo) e uno strofinamento troppo violento dei denti con lo spazzolino sono comportamenti che possono favorire la comparsa di macchie gialle sui denti. Inoltre, i canini, che sono i denti maggiormente coinvolti nella masticazione, hanno in genere un colore più giallognolo a causa dell’usura.

La decalcificazione che precede la formazione di una carie o la flourosi dentale, una malattia dovuta all’eccessivo assorbimento di fluoro nell’infanzia, possono, invece, causare la formazione di macchie bianche.

Infine, anche l’abuso di alcool o di sostanze stupefacenti può provocare erosione dello smalto e comparsa di denti gialli e macchiati.

Come prevenire l’ingiallimento dei denti

Il metodo migliore per avere denti bianchi e sani, consiste nel prevenire l’ingiallimento e la formazione di macchie modificando alcune abitudini, iniziando, ad esempio dall’alimentazione. Questo significa limitare il consumo di alcuni alimenti come cacao, liquirizia, tè e caffè che possono provocare la comparsa di macchie.

Al contrario, scegliere alimenti ricchi di acido malico, come la mela o l’uva, può servire invece a mantenere la nostra bocca pulita. Questa sostanza è, infatti, in grado di stimolare la salivazione. La saliva, a sua volta, possiede proprietà antibatteriche che ostacolano la formazione di placca e tartaro. Con una mela al giorno quindi oltre che il medico, possiamo toglierci di torno anche il dentista!

Sempre per preservare i denti dall’ingiallimento, risulta utile smettere di fumare e osservare ogni giorno un’accurata igiene orale che includa spazzolino, dentifricio e filo interdentale per eliminare ogni residuo anche negli spazi fra dente e dente.

Come sbiancare i denti con rimedi casalinghi

Come abbiamo scritto alla fine del precedente paragrafo per avere denti bianchi è molto importante lavarli regolarmente con spazzolino e dentifricio. Il metodo migliore di  pulizia dei denti consiste nello spazzolarli delicatamente con movimenti dal basso verso l’alto per almeno 2 minuti per ogni dente. È possibile anche optare per spazzolini elettrici il cui movimento circolare delle testine risulta maggiormente efficace nel rimuovere sporco e impurità.

Per quanto riguarda la scelta del dentifricio, ne esistono ovviamente di vari tipi. I dentifrici per denti sensibili, ad esempio, sono consigliati per coloro che soffrono di sensibilità dentale, quelli per gengive irritate possono invece contribuire a ridurre il sanguinamento e la ritrazione gengivale. I dentifrici sbiancanti contengono invece microsfere o altri agenti sbiancanti che possono agevolare lo sbiancamento, sia pure in misura molto ridotta.

Tuttavia, per avere denti più bianchi e rimuovere almeno le macchie più superficiali, alcune persone fanno ricorso anche a rimedi casalinghi che includono ingredienti assolutamente naturali e privi di effetti collaterali. Riportiamo di seguito quelli che, a nostro avviso, sono i più efficaci.

Bicarbonato di sodio

Strofinare del bicarbonato di sodio sui denti oppure fare degli sciacqui con acqua e bicarbonato può aiutare a sbiancare i denti e a disinfettare la bocca migliorando così anche alcune condizioni patologiche del cavo orale come gengiviti ed alitosi.

Si tratta, tuttavia di uno sbiancamento molto blando, non aspettatevi dei miracoli!

Olio di cocco

Fare degli sciacqui con olio di cocco puro diluito in poca acqua non solo farà apparire i denti più bianchi ma aiuterà anche a debellare tossine e batteri che sono causa di placca, tartaro e carie.

L’olio di cocco applicato sui denti è utile anche per contrastare le infiammazioni gengivali.

Aceto di mele

L’aceto di mele può essere usato in quantità molto piccole per schiarire i denti.

Tuttavia va usato con cautela e per brevi periodi di tempo in quanto essendo molto acido un uso prolungato può danneggiare lo smalto. Può essere diluito in acqua come un qualunque collutorio

Bucce di frutta

Alcune persone sostengono che strofinare bucce di limone, arancia o altra frutta banana li renda più bianchi. Questa tesi è supportata anche da alcuni studi scientifici che confermano che alcuni acidi della frutta come ad esempio l’acido citrico possano essere utili a rimuovere le macchie di nicotina dai denti.

Anche in questo caso però, trattandosi di sostanze acide, è bene non esagerare per non rischiare di logorare troppo lo smalto.

Carbone attivo

Una sostanza che di recente è stata utilizzata per sbiancare i denti è il carbone attivo (Activated charcoal). Alcuni studi confermano che sia in grado di rimuovere pigmenti e macchie grazie al suo potere assorbente.

Questo ingrediente è distribuito in polvere all’interno di capsule o di barattoli. Aprendo la confezione, tutto quello che dobbiamo fare è prendere un po’ di polvere, che ha in genere un colore nero pece, ed applicarla sui denti con l’aiuto dello spazzolino. Attendere qualche minuto, poi risciacquare.

In alternativa, è possibile anche utilizzarla diluita in acqua per realizzare un collutorio fai da te davvero efficace.

Salvia

L’uso della salvia per sbiancare i denti è un rimedio della nonna conosciuto fin dal passato. Il suo effetto sbiancante è dovuto alla presenza di un olio essenziale che lubrifica la superficie dello smalto, esercitando un leggero potere abrasivo. Inoltre, disinfetta le gengive e deodora l’alito.

Tutto quello che c’è da fare è strofinare una foglia di questa erba aromatica sui denti per alcuni minuti 1 o 2 volte a settimana al massimo.

Come sbiancare i denti

Trattamenti professionali per sbiancare i denti

Sono tanti i trattamenti messi a disposizione da dentisti e igienisti dentali per sbiancare i denti e tornare così ad avere un sorriso luminoso e sano.

Fra questi vale la pena di citare:

  • Pulizia professionale con ablatore, uno strumento che, oscillando a una frequenza molto elevata, frammenta le incrostazioni di tartaro annientando, nel frattempo, anche i batteri che costituiscono la placca. Successivamente, i residui di placca e tartaro vengono eliminate con punte e uncini affilati dopodiché, utilizzando una spazzola rotante, viene applicata una speciale pasta abrasiva che sbianca lo smalto;
  • Sbiancamento (bleaching) professionale con perossido di idrogeno o bicarbonato di sodio;
  • Sbiancamento laser;
  • Quando le macchie sono molto estese e i denti sono molto danneggiati, è possibile ricorrere all’applicazione di faccette in materiale composito o ceramica che ricoprono il dente facendolo apparire di nuovo nel suo colore originario.

Questo tipo di interventi ha ovviamente un costo superiore ai rimedi naturali o alla pulizia fai da te, quindi è possibile ricorrervi con minor frequenza rispetto ai trattamenti casalinghi.

Prodotti sbiancanti per i denti ad uso domestico

Diamo un’occhiata infine ad alcuni prodotti sbiancanti per i denti per uso domestico che è possibile trovare in farmacia, parafarmacia oppure online.

Oltre ai dentifrici sbiancanti, di cui abbiamo già parlato, vi sono:

  • Penne smacchianti: sono congegni costituiti da un corpo centrale che termina con un pennellino o una spazzola, la cui forma ricorda in tutto e per tutto ad una penna. La penna smacchiante, appoggiata sui denti, rilascia delle sostanze che sono in grado di smacchiare lo smalto;
  • Gel sbiancanti: si tratta di gel a base di coloranti e/o pigmenti opacizzanti il cui scopo è quello di formare un film protettivo intorno i denti che, riflettendo la luce, li fa sembrare più bianchi;
  • Strisce decoloranti: sono delle speciali stripes che si applicano direttamente sulla dentatura. L’effetto sbiancante è dovuto al rilascio di sostanze come il perossido di idrogeno capaci di schiarire i denti di 3 o 4 toni dopo un utilizzo di svariate settimane;
  • Dispositivi ad onde sonore: applicati qualche minuto al giorno sui denti aiutano a rimuovere le macchie e a rendere i denti più puliti.

Come sbiancare i denti: Suggerimenti e prodotti utili

Dopo aver lavorato duramente per rendere i vostri denti di nuovo bianchi e lucenti, ecco qui alcuni suggerimenti che possono aiutarvi ad prevenire la formazione di nuove macchie:

  • Evitate il consumo o l’esposizione a cibi e bevande che macchiano i denti, come caffè, tè e vino rosso;
  • Quando consumate bevande che macchiano, utilizzate una cannuccia in modo che il liquido bypassi i denti anteriori;
  • Spazzolate o risciacquate immediatamente i denti dopo aver consumato cibi o bevande che causano macchie;
  • Lavatevi i denti almeno due volte al giorno;
  • Usate il filo interdentale almeno una volta al giorno per rimuovere la placca.

Adesso vogliamo parlarvi di alcuni prodotti per rimuovere le macchie sui denti che si sono rivelati davvero utili per assicurare la salute dei denti.  

Il primo è Denta Pulse, un dispositivo ad onde sonore che si applica direttamente sui denti. Questo attrezzo ha colpito la nostra attenzione sia per la sua efficacia che per la praticità di utilizzo: chi lo ha utilizzato afferma infatti che grazie all’uso costante è possibile rimuovere le macchie e ridurre la formazione di placca, carie e mal di denti.

L’altro si chiama iBright ed anche se ha delle modalità di utilizzo più complesse del precedente, la sua capacità di sbiancare i denti è del tutto paragonabile a quella di una pulizia professionale dal dentista.  

Vediamoli di seguito più nel dettaglio.

Denta Pulse

Denta Pulse è un dispositivo davvero rivoluzionario introdotto da poco tempo sul mercato  che ci permette di eliminare le macchie di nicotina, tè e caffè dai denti senza dover ricorrere al costoso aiuto del dentista.

Funziona attraverso un sistema a vibrazioni soniche che può emettere fino a 3000 pulsazioni al minuto e 2 testine rimovibili che ci consentono di rimuovere efficacemente  dallo smalto qualunque tipo di macchia comprese quelle di tè, caffè, cioccolata, liquirizia e nicotina.

Grazie al suo utilizzo costante è possibile ottenere molti benefici:

  • Rimuovere le macchie dai denti
  • Eliminare la placca
  • Lucidare e sbiancare i denti
  • Prevenire tartaro, carie, gengiviti e alito cattivo
dentapulse
Riduce notevolmente la comparsa di cavità!
Pulizia e sbiancamento progressivi!
Acquisto

Per quanto riguarda il formato, Denta Pulse si presenta come un dispositivo dotato di un’impugnatura e 2 testine rimovibili una in acciaio e l’altra in silicone. All’interno della confezione sono presenti anche uno specchietto e una luce led per illuminare gli spazi tra dente e dente.

La forma ergonomica dell’impugnatura renderà il suo utilizzo davvero facile e piacevole per chiunque. Cliccare qui per avere maggiori dettagli:

iBright

iBright è uno dei rimedi più innovativi nel campo degli sbiancanti per i denti. Il prodotto è infatti costituito da un kit formato da un gel sbiancante a base di Perborato di Sodio e cristalli di idrossiapatite e una lampada LED con luce blu.

ibright
Sbarazzati di macchie di caffè, tè e sigarette!
Guadagna un sorriso accattivante!
Acquisto

Il gel viene applicato direttamente sui denti dopo un trattamento pre trattante, dopodiché viene posizionata la lampada per 30, 20 o 10 minuti a seconda del periodo di utilizzo. In soli 5 giorni inizierete a vedere i primi risultati e i vostri denti appariranno giorno dopo giorno più bianchi fino a 14 tonalità.

Il tipo di sbiancamento ottenuto con iBright è del tutto assimilabile a quello ottenuto con la pulizia professionale dal dentista, anche se è bene precisare che in caso di tartaro, gengivite o carie, il prodotto, avendo solo una valenza estetica, è del tutto inefficace. Tuttavia, può essere usato per mantenere più a lungo il lavoro del professionista o per ottenere uno sbiancamento immediato dei denti gialli prima di un’occasione speciale.

Per approfondire:

Denta Seal

Si tratta di un dentifricio remineralizzante che, in virtù dei suoi principi attivi, funziona alla stessa stregua di un’otturazione.

denta seal
Elimina i difetti iniziali della carie!
Ripara le microfessure e i micropori sui denti!
Acquisto

Può essere paragonato in tutto e per tutto ad un normale dentifricio in pasta, ma con alcune differenze: contiene infatti al suo interno l’idrossiapatite,  sostanza minerale che, una volta entrata a contatto con lo smalto, si cristallizza e viene integrata nella struttura stessa dei denti.

In questo modo, Denta Seal forma un rivestimento protettivo sopra i denti che riduce prima di tutto la sensibilità dello smalto, contrastando così il problema dei denti sensibili, e va a riempire (otturare) danni e crepe, prevenendo così la formazione di tartaro e carie.

Lo smalto diventa così liscio e lucido e i denti sono protetti da sbalzi di temperatura e pigmenti del caffè, cibo e altre sostanze come la nicotina contenuta nelle sigarette.

Per approfondire:

Conclusioni

Avete trovato completo il nostro articolo su come sbiancare i denti? Per approfondire l’argomento leggere anche:

Domande frequenti su come sbiancare i denti

Cosa fa ingiallire dei denti?

I nostri denti possono ingiallire a causa dell’età e di abitudini errate come strofinare i denti troppo violentemente con lo spazzolino, fumare o assumere cibi e bevande come il cacao, la liquirizia e il caffè che macchiano la dentatura.

Perché i denti che hanno lo smalto rovinato sono gialli?

I denti che hanno lo smalto rovinato sono gialli perché questo è il colore della dentina, il tessuto osseo che si trova proprio sotto lo smalto.

A cosa sono dovute le macchie scure sui denti?

Le macchie scure sui denti sono in genere dovute ad accumuli di placca e tartaro sulle gengive o fra dente e dente. In alcuni casi, possono indicare presenza di carie.

Mangiare mele aiutare a mantenere i denti bianchi e sani?

Sì. Gli alimenti contenenti acido malico come le mele e l’uva possono aiutare a mantenere denti bianchi e sani perché favoriscono la salivazione e la saliva è un antibatterico naturale.

Come sbiancare i denti con rimedi casalinghi?

Per sbiancare i denti con rimedi casalinghi occorre applicare sulla dentatura delle sostanze del tutto naturali e prive di effetti collaterali che aiutano a rimuovere le macchie e a togliere l’ingiallimento. Quelli più utilizzati e anche più efficaci sono bicarbonato di sodio, olio di cocco, aceto di mele, bucce di frutta, carbone attivo e salvia.

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora (è gratuito).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.