Artrite settica: Cause, Sintomi e Trattamento

0

L’artrite settica, chiamata anche artrite infettiva, è un tipo particolare di artrite causato da un’infezione. Si verifica quando i virus o batteri collegati all’infezione si diffondono ad un’articolazione oppure al fluido che circonda l’articolazione. Questo fluido è chiamato liquido sinoviale.

L’infezione originaria inizia, di solito, in un’altra area del corpo e si diffonde attraverso il flusso sanguigno al tessuto articolare. L’infezione può anche entrare nel corpo attraverso interventi chirurgici, ferite aperte o iniezioni.

Vediamo ora in questo articolo tutto quello che c’è da sapere sull’artrite settica e in cosa si differenzia dagli altri tipi di artrite.

artrolux plus cream
Stimola la sintesi del collagene!
Aumenta la mobilità!
Acquisto

Caratteristiche dell’artrite settica

Le articolazioni più colpite da artrite settica sono quelle del ginocchio, dell’anca o della spalla. Interessa più frequentemente i bambini, gli anziani o le persone che fanno uso di sostanze stupefacenti.

A differenza dell’artrite reumatoide e dell’artrite psoriasica, l’infiammazione non è provocata da una risposta errata del sistema immunitario ed è, in genere, asimmetrica, quindi si verifica nell’articolazione di un solo lato del corpo.

Si differenzia dall’artrite reattiva, che è anch’essa conseguenza di un’infezione corporea solitamente a carico degli organi genitali o dell’intestino, poiché in quest’ultima non vi è presenza del microorganismo che ha generato l’infezione all’interno del liquido sinoviale. Inoltre l’artrite reattiva, chiamata anche sindrome di Reiter, presenta spesso sintomi agli occhi, alla pelle e all’uretra.   Infine, l’artrite reattiva è in genere più frequente nelle persone di sesso maschile di età compresa fra i 20 e i  40 anni.

Cause di artrite settica

L’artrite settica è la conseguenza di una migrazione di germi e batteri collegati ad un’infezione ad un’articolazione.

I batteri comunemente associati a questa patologia sono lo Staphylococcus aureus e l’Haemophilus influenzae. Altri batteri che possono causare artrite settica sono lo Pseudomonas, la Salmonella e il Neisseria gonorrhoeae: i primi due sono associati soprattutto agli anziani, ai bambini piccoli o alle persone immunodepresse, mentre il terzo è legato soprattutto ai giovani adulti sessualmente attivi.

Visto che alcuni di questi batteri vivono anche sulla pelle sana, può accadere che possano penetrare all’interno dell’organismo andando a colpire le articolazioni in presenza di ferite da taglio, morsi d’insetto o punture provocate da iniezioni.

Fra i virus troviamo invece l’epatite A , B e C, il Parvovirus, il virus dell’herpes , l’HIV ( virus dell’AIDS ), l’Adenovirus , la Parotite (orecchioni) e l’Ebola . I funghi che invece possono causare l’artrite settica sono l’istoplasma, i coccidioidi e i blastomyces.

Tuttavia, anche per questo tipo di artrite, esistono dei fattori di rischio che aumentano le probabilità di contrarre la malattia. Questi sono:

  • Soffrire di problemi alle articolazioni come artrosi, artrite gottosa o lupus;
  • Aver subito traumi o interventi chirurgici alle articolazioni;
  • Avere ferite aperte sulla pelle compresi morsi di animali, lesioni da puntura o tagli;
  • Soffrire di malattie cutanee come la psoriasi o la dermatite atopica che causano desquamazione e fessure sulla pelle;
  • Fare uso di droghe, alcool o fumo di sigaretta;
  • Assumere farmaci che sopprimono il sistema immunitario come ad esempio quelli per l’artrite reumatoide;
  • Essere malati di AIDS, cancro, diabete o altre malattie che indeboliscono il sistema immunitario.
Artrite_settica_tips

Sintomi di artrite settica

I sintomi dell’artrite settica possono variare a seconda dell’età o della gravità della malattia.  Quelli più comuni sono:

  • Gonfiore, calore e arrossamento intorno l’articolazione colpita;
  • Forte dolore che peggiora con il movimento;
  • Impossibilità di flettere e muovere la giuntura interessata;
  • Brividi e febbre;
  • Mancanza di appetito;
  • Debolezza;
  • Irritabilità;
  • Aumento della frequenza cardiaca.

Diagnosi di artrite settica

Qualora il medico da un esame fisico dovesse sospettare la presenza di artrite settica, è probabile che vi sottoporrà ad ulteriori esami.

Fra questi, quello solitamente utilizzato l’artrocentesi che consiste nell’inserimento di un ago nell’articolazione interessata per prelevare un campione di liquido sinoviale. Il campione viene poi inviato al laboratorio per essere esaminato per colore, consistenza e presenza di globuli bianchi e batteri che sono causa dell’infezione.

È inoltre possibile ordinare test di imaging per confermare la presenza di infezione e verificare se l’articolazione è stata danneggiata.

Trattamento dell’artrite settica

L’artrite settica non può essere trattata con rimedi casalinghi ma richiede l’intervento di un’equipe medica specializzata. L’infezione deve essere infatti trattata prontamente e in modo aggressivo per prevenire l’artrosi e i danni all’articolazione

Il trattamento inizia di solito con antibiotici per uccidere i batteri che causano l’infezione. I medici utilizzeranno le informazioni dei test per scegliere un antibiotico efficace per il tipo di batteri presenti nell’articolazione. La maggior parte delle persone inizia a sentirsi meglio entro 48 ore dal primo trattamento antibiotico. Se fosse invece un fungo a provocare l’infezione, al posto degli antibiotici saranno somministrati degli antimicotici, mentre se dovesse trattarsi di un virus degli antivirali.

Drenaggio del liquido sinoviale

Un altro trattamento necessario per le persone affette da artrite settica consiste nel drenare fuori dal corpo il liquido sinoviale infetto. Quest’operazione contribuisce ad alleviare il dolore e il gonfiore collegato all’infiammazione.

Il drenaggio del liquido sinoviale viene effettuato di solito con un intervento chirurgico chiamato “artroscopia”: il medico in questo caso eseguirà diverse piccole incisioni vicino all’articolazione interessata. All’interno di queste incisioni sarà, quindi, inserito un piccolo tubo contenente una telecamera. Questo strumento servirà a guidare lo specialista nell’aspirare il liquido infetto. Dato che il liquido una volta tolto può riformarsi, il tubo sarà lasciato in sede per qualche giorno per fungere da drenaggio.

In altri casi, è possibile utilizzare solo l’ago per rimuovere il liquido infetto. La procedura deve però essere ripetuta nel corso di diversi giorni per garantire che tutto il fluido sia stato rimosso.

Intervento chirurgico

In alcuni casi, le persone affette da artrite infettiva devono essere sottoposte ad un intervento chirurgico, come l’artroscopia o una procedura aperta, non solo per drenare il liquido sinoviale infetto ma anche per rimuovere eventuali sezioni danneggiate dell’articolazione o sostituire l’articolazione. Questo però avviene solo dopo che l’infezione è stata eliminata.

Trattamento del dolore

Il dolore collegato all’artrite settica viene trattato di solito attraverso l’utilizzo di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS). Viene inoltre consigliato di tenere a completo riposo l’articolazione colpita.

Nei casi più gravi, il medico può anche suggerire di steccare l’articolazione o effettuare delle sedute di fisioterapia.

Prodotti per l’artrite: Artrolux Plus

Artrolux Plus è una crema che elimina rapidamente il dolore dell’artrite o all’artrosi. Oltre ad intervenire sull’infiammazione, questo prodotto contrasta anche la degenerazione del tessuto cartilagineo e stimola il metabolismo in esso, contribuendo al ripristino della cartilagine articolare.

artrolux plus cream
Stimola la sintesi del collagene!
Aumenta la mobilità!
Acquisto

La sua formulazione completamente naturale a base di Estratto di Boswellia, Glucosamina, Condroitina, Estratto oleoso di artiglio del diavolo e di Estratto oleoso di semi di ippocastano penetra rapidamente nel tessuto osseo e rigenera le cellule danneggiate.

L’effetto positivo di Artrolux Plus si nota già dopo la prima applicazione e con un uso regolare è possibile rallentare significativamente la progressione delle malattie delle articolazioni e della colonna vertebrale.

Il prodotto può essere acquistato solo su internet sul sito del produttore al link indicato in tabella.

Complicanze dell’artrite settica

La rapida eliminazione dell’infezione con la somministrazione di antibiotici e il drenaggio del liquido infetto è fondamentale per preservare la piena funzionalità dell’articolazione. Più a lungo è presente l’infezione, maggiori sono le possibilità che il danno colpisca l’articolazione.

Se le cure dell’artrite settica sono iniziate per tempo, l’integrità articolare è in genere mantenuta. Se invece l’infezione non venisse prontamente trattata, esiste la possibilità di andare incontro a danni irreparabili e perdita completa di funzionalità dell’articolazione.

Tuttavia, è anche vero che alcuni tipi di microrganismi sono più aggressivi e difficili da trattare rispetto ad altri. Inoltre, le persone il cui sistema immunitario non funziona in modo ottimale sono maggiormente a rischio di ulteriori danni articolari.

Conclusioni

Siamo arrivati alla fine del nostro articolo sull’artrite settica in cui abbiamo appreso che si tratta di una condizione legata alla presenza di un’infezione che però risulta del tutto curabile se trattata in anticipo e in modo aggressivo.

Le persone affette vedranno un miglioramento delle loro condizioni entro le 48 ore dall’inizio del trattamento con antibiotici. Non debellando, invece, l’infezione è possibile andare incontro a complicanze quali danni permanenti alle articolazioni.

Ti potrebbe interessare anche:

Domande frequenti sull’artrite settica

Come si sviluppa l’artrite settica?

L’artrite settica è causata da infezioni batteriche, virali o fungine. L’infezione batterica con Staphylococcus aureus (stafilococco) è la causa più comune. Visto che questo batterio vive comunemente anche su una pelle sana, avere tagli o ferite aperte sulla cute può favorire il suo ingresso all’interno dell’organismo e sulle articolazioni.

L’artrite settica è contagiosa?

No. L’artrite settica non è una malattia contagiosa. Tuttavia, molti dei microbi che causano l’artrite infettiva possono essere trasmessi da un paziente infetto a un altro, tra cui Neisseria gonorrhoeae, Staphylococcus aureus e HIV.

L’artrite settica è un’emergenza medica?

Sì. Le persone cui viene diagnosticata l’artrite settica devono essere prontamente trattate da un’equipe di medici quali internisti, reumatologi, ortopedici, medici delle malattie infettive e operatori di medicina riabilitativa.

Esistono rimedi casalinghi per l’artrite settica?

No. L’artrite settica è un’emergenza medica che richiede un trattamento aggressivo a cura di un’équipe medica appropriata.

È possibile prevenire l’artrite settica?

Sì. È possibile prevenire l’artrite settica evitando infezioni, lesioni e ferite alla pelle. Anche smettere di fumare e non fare uso di alcool e droghe riduce in rischio di contratte questa malattia.

 

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora (è gratuito).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.